Mondiali di Canoa Slalom Jrs e U23: avanzano tutti gli italiani

Mondiali di Canoa Slalom Jrs e U23: avanzano tutti gli italiani
Stefanie Horn, Canoa Slalom, Mondiali Perinth

Stefanie Horn in azione ai Mondiali di Penrith

Iniziano nel migliore dei modi a Penrith, in Australia, il Mondiali di canoa slalom junior e under 23 con gli azzurri che nelle qualifiche dei primi due giorni di gara centrano l’accesso alla semifinale; e lo fanno con ottimi tempi. Nel primo giorno di gara, nel K1 under 23 il veronese Zeno Ivaldi e il bresciano Giovanni de Gennaro chiudono rispettivamente al 3°e 4° posto della generale. A vincere le qualifiche è il ceco Jiri Prskavec, campione europeo in carica e argento al mondiale 2013. Alle sue spalle l’americano Michal Smolen; subito dietro, a 3”23 di distacco, Zeno Ivaldi che dopo una prima manche con il freno a mano tirato cresce nella seconda e chiude con il terzo miglior tempo di giornata. Giovanni de Gennaro è subito dietro, al quarto posto, con un distacco dal veronese di 5 centesimi e un ritardo dalla leadership di 3”28. Per lui due manches praticamente identiche e la certezza di essere tra i migliori in occasione della semifinale in programma dopodomani.
Ottima prova anche per l’azzurra Stefanie Horn che nel K1 under 23 femminile chiude la qualifica al terzo posto assoluto. A vincere è l’australiana e padrona di casa Jessica Fox, sulla ceca Karolina Galuskova, con l’italiana Horn che chiude con un ottimo tempo la prima manche con il tempo che gli vale la terza posizione in qualifica e il comodo accesso alla semifinale di venerdì.
Bene gli azzurri anche nella seconda giornata di gare dedicata alle qualifiche per la specialità C1.
Avanza in semifinale nel C1 Under 23 il sublacense Roberto Colazingari; per il pagaiatore della Forestale la seconda manche di qualifica vale il quarto posto assoluto. Dopo una prima prova caratterizzata da troppi errori e macchiata da quattro secondi di penalità, l’azzurro reagisce e portando a casa un percorso netto risalendo la graduatoria.
Ottima prova anche per Raffaello Ivaldi nel C1 junior; il pagaiatore veronese (che il giorno prima ha assistito alla prova altrettanto convincente del fratello Zeno, nel K1) non tradisce le attese e chiude con il terzo tempo assoluto. L’irlandese Liam Jegou si impone al britannico Samuel Ibbotson e a Raffaello Ivaldi che paga un ritardo dalla vetta di 1”90.
Domani, nella notte per l’Italia, torneranno in gara i kayak per l’assegnazione delle prime medaglie.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.