Mondiali di Doha, nel Corpo Libera arriva il poker di titoli per Simone Biles

L'atleta texana coglie il suo quarto titolo mondiale di questa edizione nel corpo libero, oltre un argento e un bronzo, e porta il bottino complessivo a 20.

Mondiali di Doha, nel Corpo Libera arriva il poker di titoli per Simone Biles

Con le finali di specialità si è concluso il 48° Campionato del Mondo di Doha nel segno di Simone Biles, che coglie il suo quarto titolo mondiale di questa edizione nel corpo libero, oltre un argento e un bronzo, e porta il bottino complessivo a 20.

Volteggio maschile – Ri Se Gwang è il campione del mondo 2018 sulla rincorsa dei 25 metri. Con 14.993 batte di appena mezzo decimo il neo campione del mondo All around, il russo Artur Dalaloyan, argento con 14.883 punti. Bronzo per il campione del mondo uscente Kenzo Shirai a quota 14.765. Ai piedi del podio l’inglese Dominick Cunningham con il personale di 14.666. Completano la classifica: Nikita Nagornyy (pt. 14.650), Shek Wai Hung (pt. 14.366), Artur Davtyan (pt. 13.933) e Caio Souza (pt. 13.883).

Trave – Una finale di specialità caratterizzata da diversi errori quella alla trave. La cinese Liu Tingting è quella che ha convinto di più la giuria internazionale che le ha assegnato 14.533 punti assicurandole il primo posto sul podio davanti alla canadese Anne-Marie Padurariu, sulla piazza d’onore con 14.100. La regina iridata 2018, l’americana Simone Biles, con 13.600 vince la medaglia di bronzo sorpassando la belga Nina Derwael – neo eletta campionessa del mondo alle parallele asimmetriche – quarta con 13.466. Completano la classifica: Elsabeth Black (pt. 13.033), Kara Eaker (pt. 12.833), Sanne Wevers (pt. 12.666) e Zhang Jin (pt. 11.500).

Parallele pari – Un esercizio dalle incredibili difficoltà quello eseguito da Zou Jingyuan. Con 16.433 (nota D. 7 – nota E. 9.433) il cinese, classe ’98, lascia il vuoto dietro di sé. L’ucraino Oleg Verniaiev, già medaglia d’argento al mondiale dello scorso anno a Montreal, si posiziona con 15.591 sulla piazza d’onore a otto decimi di distanza dal capolista. Bronzo per Artur Dalaloyan a quota 15.366. Ai piedi del podio di questa specialità l’americano Samuel Mikulak con 15.233. Completano la classifica: Lin Chaopan (pt. 15.200), Calvo Moreno (pt. 15.033), David Belyavskiy (pt. 14.633) e Lukas Dauser (pt. 13.700).

Corpo Libero femminile – Continua la collezione di medaglie della texana olimpionica a Rio 2016 Simone Biles. La quattro volte campionessa iridata sul quadrato non ha rivali. Con 14.933 punti si posiziona in testa alla classifica davanti alla connazionale e compagna di squadra Morgan Hurd, argento con 13.933 punti e alla giapponese Mai Murakami, bronzo con 13.866 punti. Ai piedi del podio con 13.833 la russa Angelina Melnikova, insignita anche del premio eleganza dalla Longines. Completano la classifica: Flavia Saraiva (pt. 13.766), Melanie De Jesus Dos Santos (pt. 13.433), Liliia Akhaimova (pt. 13.366) e Brooklyn Moors (pt. 13.066).

Sbarra – Epke Zonderland ha riscattato il suo secondo posto al Mondiale di Montreal dello scorso anno vincendo la medaglia d’oro nel suo attrezzo preferito, la sbarra, con 15.100 punti. Il 32enne, classe ’86, relega sulla piazza d’onore “King” Kohei Uchimura (pt. 14.800) e, al terzo posto, l’americano Samuel Mikulak (pt. 14.533). Ai piedi del podio il croato Tin Srbic (pt. 14.500) che, in Canada, soffiò il titolo per due decimi a Zonderland. Completano la classifica: Tang Chia-Hung (pt. 14.266), Deng Shudi (pt. 14.066), Xiao Ruoteng (pt. 13.900) e Artur Dalaloyan (pt. 12.666).

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.