Mondiali di gioco veloce a Riyad: il ritorno di Vishy Anand

In Arabia Saudita vince a sorpresa Anand, Carlsen solo quinto. Dominio cinese tra le donne. Bene le due italiane in gara.

Mondiali di gioco veloce a Riyad: il ritorno di Vishy Anand

Il campionato del Mondo di gioco veloce, maschile e femminile, in corso a Riyad in Arabia Saudita fino al 30 dicembre, ha segnato il ritorno sulla scena internazionale di Vishy Anand, già campione del mondo nell’era post Kasparov.

Il mondiale ha richiamato quasi tutti i migliori, dato che propone un montepremi complessivo di ben 2 milioni di dollari, di cui 250 mila destinati ai nuovi iridati, cifre del tutto inconsuete nel mondo scacchistico per gare di questo tipo.

In campo femminile (100 giocatrici) per l’Italia in gara Olga Zimina di Modena, campionessa italiana in carica, ed Elena Sedina di Como.

Da notare che è la prima manifestazione sportiva dell’Arabia Saudita in cui le donne non hanno l’obbligo di giocare velate e in cui donne e uomini giocano nella stessa sede. Tuttavia la rinuncia a partecipare della campionessa uscente Anna Muzychuk ha destato grandissimo interesse sui giornali e sulle tv soprattutto per le ragioni politiche del gesto.

Giovedì sera a Riyad si è concluso il mondiale ‘rapid’ (15 minuti di base più 10 secondi a mossa). Ha vinto l’indiano Anand (ex campione del mondo assoluto) con 10.5 su 15, dopo spareggio giocato con il russo Fedoseev, pure a 10.5; terzo il russo Nepomniachtchi. Il campione del mondo, il norvegese Carlsen, ha chiuso “solo” al quinto posto.

Dominio cinese in campo femminile. Ha vinto la cinese Ju Weniun con 11.5, davanti alla connazionale Lei Tinjie con 11, terza la tedesca Elisabeth Paehtz 10.5. Olga Zimina ha concluso con 7.5; Elena Sedina con 6.5.

Ha giocato anche Marta Fierro (che ha chiuso con 7 punti): ecuadoriana, è console dell’Ecuador a Genova ed ha sposato un italiano.

Domani e sabato il mondiale ‘blitz’ (3 minuti di base e 2 secondo a mossa)

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.