Mondiali di Tiro, con Di Martino e Rossetti “la meglio gioventù”

Mondiali di Tiro, con Di Martino e Rossetti “la meglio gioventù”
Gabriele Rossetti Mondiali di Tiro

Gabriele Rossetti in azione durante i Mondiali di Tiro a Granada

Ai Mondiali di Tiro in svolgimento a Granada successo per i tiratori juniores sia del Tiro a Segno che Tiro a Volo. Dario Di Martino si conferma stella di questa rassegna, portando a casa il terzo argento nella pistola sportiva, mentre Gabriele Rossetti nello skeet juniores supera per bravura i colleghi seniores e si porta a casa un fantastico titolo mondiale.
Pistola sportiva – Ha chiuso con una tripletta d’argento il suo primo Campionato Mondiale Dario Di Martino (Forestale), che nel giorno del suo 19esimo compleanno ha voluto festeggiare conquistando un secondo posto anche nella pistola sportiva juniores uomini. Il tiratore napoletano dopo aver chiuso ieri la serie di mirato con 290 punti, oggi ha dimostrato grande abilità anche nel celere totalizzando 579 pt. pur essendo uno specialista nell’aria compressa e nella libera.
Dario ha confermato ancora una volta di essere una delle punte di diamante della nazionale italiana: prima vincendo i titoli europei nel 2013 sia nell’aria compressa che nella libera, e poi collezionando ben 3 medaglie d’argento in questi Campionati Mondiali. Soddisfatti i due Direttori Sportivi, Valentina Turisini ed Horst Geier, che hanno abbracciato Di Martino al termine della competizione.
La gara è stata vinta dall’americano Alexander Chichkov (587), terzo posto per Ji Won Jang (578) che ha battuto allo spareggio il cinese Tianshuai Zhang.
La carabina libera 3 posizioni juniores uomini ha ufficialmente concluso la 51esima edizione dei Campionati Mondiali di Tiro a Segno a Granada. Miglior prestazione fra gli azzurri in gara quella di Marco Suppini (Vergato) al 21esimo posto: per lui qualche difficoltà nell’ultima serie a terra, ma nel complesso un’ottima performance considerando anche la giovanissima età e l’esperienza, ancora tutta da accumulare, nelle competizioni a fuoco (1151). Al 35esimo posto Lorenzo Bacci (Fiamme Oro), che nonostante l’impegno è calato nell’ultima fase della gara (1141). Al 46esimo Giuseppe Pio Capano (Forestale), un po’ al di sotto delle sue potenzialità (1132).
Titolo mondiale per il tedesco Andre Link che ha stabilito anche il nuovo record mondiale di finale (456.1). In seconda posizione il francese Alexis Raynaud (455.7) seguito dall’austriaco Gernot Rumpler.

La squadra azzurra torna a casa con 5 medaglie e 3 carte olimpiche:
- Petra Zublasing, oro nella carabina 10 metri donne e carta olimpica
- Marco De Nicolo, 5° posto e carta olimpica nella carabina libera a terra uomini
- Niccolò Campriani, 8° posto e carta olimpica nella carabina libera 3 posizioni uomini
- Martina Ziviani, argento nella carabina 10 metri juniores donne
- Dario Di Martino, 3 argenti nella pistola libera, pistola standard e pistola sportiva juniores uomini

RISULTATI
PISTOLA SPORTIVA JUNIORES UOMINI
1. CHICHKOV Alexander (USA) 587; 2. DI MARTINO Dario (ITA) 579; 3. JANG Ji Won (PRK) 578

CARABINA LIBERA 3 POSIZIONI JUNIORES UOMINI
1. LINK Andre (GER) 456.1; 2. RAYNAUD Alexis (FRA) 455.7; 3. RUMPLER Gernot (AUT); 21. SUPPINI Marco (ITA) 1151; 35. BACCI Lorenzo (ITA) 1141; 46. CAPANO Giuseppe Pio (ITA) 1132

CARABINA SPORTIVA 3 POSIZIONI JUNIORES DONNE
1. PEI Ruiijao (CHN) 436.8; 2. CHRISTEN NINA (SUI) 433.6;3. GSCHWANDTNER Selina (GER); 39. SCHIAVA Maria (ITA) 563; 44. ZIVIANI Martina (ITA) 560; 47. OSEGUERA RIOJAS Andrea (ITA) 559

Skeet Maschile Junior – Buon sangue non mente. Nel caso di Gabriele Rossetti lo abbiamo già ripetuto molte volte, ma come dicevano i latini “repetita iuvant”. Figlio di Bruno, medaglia di bronzo ai Giochi di Barcellona 1992, Gabriele è arrivato a questo Mondiale con il titolo di Campione Europeo, conquistato a giugno a Salrosputza (HUN). In questa gara il diciannovenne di Ponte Buggianese (PT) è approdato alla semifinale con 123/125, miglior punteggio assoluto della giornata, e con 15/16 + 7 nello shoot off ha agguantato il secondo pass per il gold match. Nello scontro diretto per l’oro ha affrontato il cipriota Stefanos Nikolaidis e lo ha regolato con largo margine, 15 a 13.
“Mi sono preparato tantissimo per questo risultato e l’ho fatto lavorando quotidianamente con mio padre. A lui ed al DT Benelli va il mio grazie più grande. Dopo l’Europeo ho cercato di dare il massimo senza risparmiarmi e sono molto contento. Volevo questo titolo ed ora è mio”. Terzo l’americano Philip Russell Jungman.
In semifinale anche Christian Benet. Il triestino ha sofferto un po’ l’atmosfera della serie più importante e con 10 non è salito oltre la sesta piazza.
Come anticipato nel precedente comunicato, Rossetti e Benet, insieme a Domenico Simeone di Baia e Latina (CE), 14° individuale con 116, si sono diplomati Campioni del Mondo a squadre con 357/375 davanti ai colleghi statunitensi, secondi con 349, ed a quelli inglesi, terzi con 347.
“Gli azzurrini hanno confermato il risultato dello scorso anno – spiega il DT Benelli – Nel 2013 Simeone vinse il titolo europeo ed il mondiale e quest’anno ha fatto lo stesso Rossetti. Queste medaglie fanno bene a tutto il movimento italiano e dimostrano che stiamo lavorando bene e abbiamo un ottimo vivaio”.
Skeet Maschile Seniores – Alexander Zemlin è il nuovo Campione del Mondo di Skeet Maschile. Un bel debutto su un podio senior per il ventitreenne, già Campione Europeo Junior nel 2011, che battendo nel gold match il francese Anthony Terras con 16 a 14, si è messo in tasca anche il pass per Rio 2016. Il secondo pass in palio se lo è preso Terras insieme all’argento, mentre il terzo è stato conquistato dall’egiziano Azmy Mehelba, medaglia di bronzo dopo aver battuto per 15 a 13 il francese Eric Delaunay nel medal match per il terzo e quarto posto.
Peccato per il nostro Luigi Lodde. L’azzurro del Gruppo Sportivo dell’Esercito, Campione Europeo in carica, in semifinale non ha mantenuto il ritmo dei suoi avversari ed ha chiuso in sesta piazza con 12/16. Dopo uno zero in prima pedana, a metterlo definitivamente ko sono stati altri tre zeri inanellati dal sardo nella terza. “Ho perso una buona occasione per conquistare la Carta e una medaglia – ha dichiarato – In ogni caso la squadra c’è. Questa esperienza ci servirà per il futuro. Quello che mi preme fare è ringraziare la Federazione che ci ha messo nelle migliori condizioni per ben figurare, l’Esercito e gli sponsor Beretta e Fiocchi per il sostegno quotidiano ed il CT Benelli (Andrea, ndr) per la fiducia che mi ha dato e mi sta continuando a dare. Sarà per la prossima volta”.
Fuori dalla semifinale Riccardo Filippelli e Tammaro Cassandro. Il primo, tiratore toscano nuovo acquisto dell’Esercito, ha interrotto la serie positiva di risultati utili che lo ha visto centrare due podi nelle due gare a cui ha preso parte: oro alla Coppa del Mondo di Almaty (KAZ), sua gara di debutto internazionale, e bronzo all’Europeo di Sarlosputza (HUN). Ad essere fatale in questa gara è stato il 21 della terza serie. Con 120 si è fermato al 12° posto. Stesso punteggio ma 16° posto per Tammaro Cassandro, ventuno anni di Caserta in forza alla Forestale. In lizza per la semifinale fino alla quarta serie, nell’ultima è inciampato in un 23 che lo ha tagliato fuori dai giochi per le medaglie e le Carte Olimpiche.
In ogni caso Lodde, Filippelli e Tammaro sono saliti sul podio per mettersi al collo l’oro a squadre. Gli azzurri si sono confermati Campioni del Mondo a Squadre con il punteggio di 363 davanti a Stati Uniti e Francia, rispettivamente secondi e terzi con 359 e 358.
“Obiettivo Carte mancato. Malgrado il sostegno della Federazione, che ci ha supportato in tutto, non siamo arrivati dove volevamo. Purtroppo non sempre si vince e dobbiamo rendere il giusto merito a chi è stato più bravo di noi – commenta a conclusione il Direttore Tecnico Benelli – La valutazione generale è, comunque, positiva. Sui sei senior presenti, tre uomini e tre donne, uno è entrato in semifinale e 3 l’hanno mancata per un piattello. Avevamo bisogno di un guizzo in più. In ogni caso, la conferma dell’oro a squadre significa che la squadra funziona, anche se con due elementi nuovi, e non sono da meno gli Junior”.
Campioni del Mondo a squadre anche questi ultimi. Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT), Christian Benet di Trieste e Domenico Simeone (Fiamme Oro) di Baia e Latina (CE), oro con 357 davanti ai colleghi statunitensi, secondi con 349, ed a quelli inglesi, terzi con 347.

RISULTATI
Skeet Maschile
Senior: 1° Alexander Zemlin (RUS) 122/125 – 15/16 (+4) – 16/16; 2° Anthony Terras (FRA) 122 – 15 (+4) – 14; 3° Azmy Mehlba (EGY) 121 (+8) – 15 (+3) – 15; 4° Eric Delaunay (FRA) 122 – 14 – 13; 5° Rashid Hamad (QAT) 121 (+8) – 12; 6° Luigi Lodde (ITA) 122 – 12; 12° Riccardo Filippelli (ITA) 120; 16° Tammaro Cassandro (ITA) 120.

Squadre Senior: 1^ Italia 363/375; 2^ Stati Uniti 359; 3^ Francia 358.

Junior: 1° Gabriele Rossetti (ITA) 123/125 – 15/16 (+7) – 15/16; 2° Stefanos Nikolaidis (CYP) 118 (+1 +2) – 16 – 13; 3° Philip Russell Jungman (USA) 121 – 13 – 15 (+7); 4° Felix Hasse (GER) 121 – 15 (+6) – 15 (+6); 5° Ben William David Llewellin /GBR) 120 – 11; 6° Christian Benet (ITA) 118 (+2) – 10; 14° Domenico Simeone (ITA) 116.
Squadre Junior: 1^ Italia 357/375; 2^ Stati Uniti 349; 3^ Inghilterra 347

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.