Mondiali Ginnastica Artistica – Finali anche per Ferrari e Ferlito

Mondiali Ginnastica Artistica – Finali anche per Ferrari e Ferlito
Carlotta Ferlito in azione ai Mondiali Ginnastica Artistica

Carlotta Ferlito in azione ai Mondiali Ginnastica Artistica

La lunga due giorni delle qualificazioni femminili si chiude per le azzurre impegnata ai Mondiali Ginnastica Aristica in corso in Belgio, con l’accesso a tre finali conquistate dai due caporalmaggiore del Centro Sportivo dell’Esercito Italiano Vanessa Ferrari (8ª con il totale di 56.915) e Carlotta Ferlito (14ª a quota 54.948). Entrambe entrano nella finale delle migliori 24 ginnaste del Mondo, in programma venerdì sera (in leggera differita su Rai Sport 2 dalle 21.20 alle 23.25).
In testa alla classifica di ammissione la venere nera Simone Biles, che con 60.133 precede la connazionale stelle e strisce Kyla Ross (59.198) e la cinese Yao Jinnan (57,965).
L’astro nascente di Columbus, classe 1997, salita agli onori delle cronache, ad inizio anno, con la Coppa del Mondo di Worcester, è al comando anche al Corpo libero, davanti al duo rumeno Sandra Izbasa e Larisa Iordache. Al quarto posto, pronta a giocarsi, domenica pomeriggio alle 16.10 (Diretta Rai Sport 1), le sue chance di medaglia, troviamo la Ferrari, artefice di una buona prestazione, con le sue storiche diagonali acrobatiche montate per l’occasione su un sensuale Tango (Tangled Up, singolo della cantante olandese Caro Emerald uscito nel febbraio di quest’anno). Una leggera imprecisione sullo Tzukahara avvitato lascia alla campionessa iridata del 2006 margini di miglioramento sull’esecuzione. Per il direttore tecnico azzurro Enrico Casella tutte le avversarie sono battibili, ad eccezione della Biles che si presenta con un nota di partenza di 6.500. Fuori gioco per una caduta la russa Aliya Mustafina che soffiò alla Ferrari il bronzo ai Giochi di Londra. Riguardo a questo, l’azzurra, fedele al suo personaggio bizzoso e senza particolare diplomazia, ha espresso uno sprezzante: “Preferisco parlare di altro”, ma si ha la sensazione che la soddisfazione di poter pregustare una rivincita-vendetta aspetta solo la consacrazione di un eventuale medaglia.
Bisogna dire che la Ferrari è giunta a questi mondiali in buone condizioni psicologiche prima che fisiche. Si è concessa ad un’intervista insolita per la loquacità e la verve, forse anche per i buoni risultati nelle qualificazioni. Oltre all’ottavo posto nella generale e il quarto al corpo libero, l’azzurra ha terminato al sesto posto nella trave, davanti alla specialista Ferlito. Le rivedremo insieme, quindi, il 6 ottobre alle 14.55. Carlotta, ferma all’argento continentale di Berlino 2011, recrimina per un punteggio a suo dire troppo basso. Senza sbilanciamenti e con una difficoltà di 6.200 seconda soltanto alla Iordache, la ginnasta di Catania, seguita da Paolo Bucci presso l’Accademia di Via Ovada, a Milano, sogna di recitare finalmente un ruolo da protagonista, dopo le finali mancate a Londra e ai precedenti Mondiali di Tokyo.
Sono contenta! – ha dichiarato la Ferrari, più loquace e sorridente del solito – Da come era iniziata la giornata pensavo che avrei fatto un macello. Ero troppo agitata, in confronto alle mie solite gare. Sono arrivata sugli staggi delle parallele molto tesa, ma poi, per fortuna, ho trovato la concentrazione giusta e ho fatto tutto ciò che avevo preparato. Forse il corpo libero non è venuto come speravo. In finale dovrei dare una ripulita allo Tzukahara avvitato e alla terza diagonale, magari trovando una prestazione a metà strada tra quella del premondiale di Vigevano e le qualifiche di oggi. Dopodiché vediamo cosa fanno le altre, non c’è nessuno che mi abbia particolarmente colpita. La Mustafina? Passiamo alla prossima domanda. Spero insomma di far bene al corpo libero, mi sono allenata molto per arrivare fin qui, ma anche alla trave, dove non riuscivo ad andare in finale da Aarhus 2006. Il mio esercizio non è di alto livello, ma neppure basso. Me la posso giocare anche lì.”. Non c’è paragone, anche come approccio al Mondiale, rispetto al paventato ritiro avanzato solo qualche mese fa in occasione dei Giochi del Mediterraneo…
Da non dimenticare infine l’11° posto, sempre alla trave, della milanese Francesca Deagostini (La Costanza A. Massucchi di Mortara), mentre l’altra esordiente Alessia Leolini (Giglio Montevarchi) torna a casa con il 22° volteggio, la 51ª piazza alle parallele asimmetriche, la 41ª al corpo libero e tanta esperienza. La 16enne toscana seguita da Stefania Bucci tornerà infatti molto utile nella squadra che già dall’anno venturo dovrà lottare per un posto a Rio de Janeiro. Domani sera tornano in pedana i maschi con la finale all-around. Senza italiani, dalle 20.00 in poi potremo assistere, in diretta su Rai Sport 1 e con il commento di Andrea Fusco e Igor Cassina, all’inseguimento al campione Olimpico Kohei Uchimura, il quale, dopo il “Triplete” iridato dello scorso quadriennio, pare avere tutte le intenzioni di calare il poker.

Classifiche Qualificazioni Femminile

ALL AROUND
1. Biles Simone (Usa) 60.133
2. Ross Kyla (Usa) 59.198
3. Yao Jinnan (Chn) 57.965
4. Iordache Larisa Andreea (Rou) 57.865
5. Mustafina Aliya (Rus) 57.165
6. Maroney Mc Kayla (Usa) 57.149
7. Shang Chunsong (Chn) 56.998
8. Ferrari Vanessa (Ita) 56.915

VOLTEGGIO
1. Maroney Mc Kayla (Usa) 15.641
2. Biles Simone (Usa) 15.550
3. Hong Un Jong (Prk) 15.249
4. Phan Thi Ha Thanh (Vie) 14.966
5. Steingruber Giulia (Sui) 14.799
6. Chusovitina Oksana (Uzb) 14.750
7. Pena Abreu Yamilet (Dom) 14.683
8. Netteb Chantysha (Ned) 14.516

SBARRA
1. Yao Jinnan (Chn) 15.433
2. Ross Kyla (Usa) 15.133
3. Huang Huidan (Chn) 15.133
4. Downie Rebecca (Gbr) 15.100
5. Mustafina Aliya (Rus) 14.900
6. Biles Simone (Usa) 14.800
7. Harrold Ruby (Gbr) 14.600
8. Scheder Sophie (Ger) 14.566

TRAVE
1. Iordache Larisa Andreea (Rou) 15.266
2. Shang Chunsong (Chn) 14.866
3. Ross Kyla (Usa) 14.566
4. Rodionova Anna (Rus) 14.466
5. Biles Simone (Usa) 14.400
6. Ferrari Vanessa (Ita) 14.216
7. Ferlito Carlotta (Ita) 14.216
8. Mustafina Aliya (Rus) 14.133

CORPO LIBERO
1. Biles Simone (Usa) 15.033
2. Izbasa Sandra (Rou) 14.733
3. Iordache Larisa Andreea (Rou) 14.500
4. Ferrari Vanessa (Ita) 14.500
5. Murakami Mai (Jpn) 14.466
6. Ross Kyla (Usa) 14.333
7. Maroney Mc Kayla (Usa) 14.333
8. Steingruber Giulia (Sui) 14.033

ASCOLTA TUTTE LE INTERVISTE DEI PROTAGONISTI AZZURRI AD ANVERSA ANDANDO SULLA VIDEO GALLERY FGI:
http://www.federginnastica.it/?module=multimediaVideo&idContentPage=10435

PER ULTERIORI INFO CLICCA QUI!
FederGinnastica – World Championships Artistic Gymnastics – Anversa (BEL), 30/9-6/10/2013

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.