Mondiali Ginnastica Ritmica 2014, le Farfalle ancora d’argento

Mondiali Ginnastica Ritmica 2014, le Farfalle ancora d’argento

Farfalle, Europei Ginnastica Ritmica, Mondiali Ginnastica ritmica 2014Le ormai mitiche Farfalle azzurre si aggiudicano la medaglia d’argento nel Concorso Generale dei 33^ Mondiali Ginnastica Ritmica 2014 a Izmir. Le aviere del Gruppo Sportivo dell’Aeronautica Militare Marta Pagnini, Andrea Stefanescu e Camilla Patriarca con le compagne Alessia Maurelli (E. Putinati Ferrara), Sofia Lodi (Brixia Brescia) e la riserva Arianna Facchinetti (ASDG Terranuova) conquistano la piazza d’onore con il punteggio complessivo di 34.282. Il titolo iridato sfugge per 167 millesimi e finisce tra le mani di un’ottima Bulgaria, leader con 34.449 (17.133 – 17.316). Le campionesse uscenti della Bielorussia perdono una clavetta e devono accontentarsi del gradino più basso del podio con 34.133 (16.750 – 17.383).
Continua, invece, la maledizione del team di Madame Viner che si vede sfuggire l’oro dalla rassegna di Patrasso 2007. Non serve alla Russia nascondere un nodo tra i nastri, gelosamente celato alla giuria fin sui divanetti del kiss & cry – una clamorosa caduta nella prova con le clavette consegna alle regine olimpiche l’amaro legno turco.
Le Farfalle di Emanuela Maccarani partono forte con le 3 palle e i 2 nastri sulle note (troppo basse, per colpa di un fonico pasticcione) dell’ormai celeberrimo mix Du Hast dei Rammstein e Animals di Martin Garrix, ma la giuria tarpa loro le ali con un insipido 17.066. Dall’altra prova, quella con le 10 clavette sul Requiem di Verdi, le azzurre raccolgono un decimo e mezzo di più, eppure il 17.216 appare ancora una volta lontano da quanto visto sulla pedana del Halkapinar Spor Salonu. Solo l’uscita oltre la linea rossa di una palla iberica, permette all’Italia di scavalcare le rivali della Spagna, leggermente sopravvalutate alle clavette. D’altra parte l’attuale codice dei punteggi non premia il valore artistico delle nostre composizioni; così accade che ciò che esalta il pubblico non coincide con la valutazione delle giudici. Dopo aver dominato con tre medaglie d’oro lo scorso quadriennio, concluso con il bronzo ai Giochi di Londra, la Squadra Italiana, vice campione ai Mondiali di Kiev nel 2013, si conferma d’argento, stabile tra le migliori due del panorama internazionale.
Una posizione che mantiene ormai da 10 anni nonostante cambino le interpreti, gli attrezzi e le musiche, ossia da Baku 2005. Con la 22ª medaglia mondiale (il 13° secondo posto), le Farfalle dell’Accademia di Desio – provenienti dal ritiro estivo di Follonica – continuano il loro cammino trionfale verso Rio de Janeiro.
Domani il bottino può essere ulteriormente arricchito con le finali di specialità (Diretta su Rai Sport 1 a partire dalle 13.55).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.