Mondiali Arrampicata Sportiva: Santoni riporta l’Italia al Top

Mondiali Arrampicata Sportiva: Santoni riporta l’Italia al Top
Alessandro Santoni sul podio del Campionato del Mondo giovanile IFSC in Canada

Alessandro Santoni sul podio del Campionato del Mondo giovanile IFSC in Canada

L’Arrampicata sportiva italiana torna finalmente sul gradino più alto di un podio ai mondiali arrampicata. Lo fa con un “velocista”, Alessandro Santoni, 17 anni di Dro, che nella notte tra domenica e lunedì ha conquistato l’oro ai Mondiali Giovanili in svolgimento a Saanich, in Canada, categoria Youth A (Under 18). L’atleta della ASD Arco Climbing l’ha spuntata contro la formidabile e temibile compagine russa che, fino ad oggi, aveva monopolizzato le gare che contano, a cominciare da quei Campionati europei che avevano visto Santoni solo quarto.Erano ormai tre anni che l’Arrampicata azzurra non saliva così in alto. L’ultimo titolo mondiale l’aveva conquistato Alexandra Ladurner, sempre ai Mondiali giovanili, ma nel Lead. L’anno prima era giunto l’oro di Leonardo Gontero, sempre ai Mondiali giovanili e sempre nella Velocità. A distanza quindi di tre anni l’arrampicata italiana torna ai vertici, mostrando di essere alle prese con una vera e propria scuola della Speed, visto che oltre a Gontero (tra i migliori nei Senior) e Santoni, anche altri ragazzi stanno maturando e imponendosi all’attenzione internazionale. Merito dei tecnici azzurri che da tempo stanno lavorando con costanza e continuità, primi fra tutti Donato Lella e Massimo Bassoli, che Lella affianca nella disciplina specifica. Merito soprattutto di diverse società sportive cominciare dall’Arco Climbing del presidente Tiziano Morandi che tanta attenzione ha dedicato alla velocità, riuscendo negli anni a sfornare atleti del calibro di Sara Morandi e Alessandro Santoni.
Così accade da tempo che nelle prove internazionali di speed gli unici atleti in grado di contrastare lo strapotere degli slavi (Russi e Ucraini, prima di tutto), sono proprio gli azzurri, molte volte però schiacciati da duelli estenuanti e dispendiosi. Non è un caso, infatti, che il titolo di Santoni sia l’unico andato ad un atleta non russo tra quelli assegnati domenica, ad eccezione della polacca (altro atleta dell’est) Rudzinska tra le donne Juniores. Non è un caso, soprattutto, che Santoni ha dovuto battere nell’ordine i temibili russi Diachkov (superato nei quarti) e il campione europeo Shikov, in finale.
L’oro conquistato domenica notte ha così messo il suggello ad una stagione straordinaria per l’atleta nato a Riva del Garda nel giugno del 1996: n. 1 del ranking internazionale e primo nella classifica generale di Coppa Europa Speed, grazie al successo nella prova di Edinburgo, al 2° posto a Chamonix, e al 3° a Imst. Ai recenti Campionati europei giovanili di Imst Alessandro è giunto 4°.
La gara di Santoni è iniziata nel migliore dei modi, con il terzo tempo di qualificazione, un 6”94 di grande spessore e a pochi centesimi dal migliore tempo di giornata, il 6”77 dello statunitense Brosler. Il vero capolavoro dell’atleta trentino si è avuto nei quarti di finale, dove si è sbarazzato del temibile russo Diachkov, già secondo agli Europei di Imst e uno dei più forti atleti del circuito, con un 7” netti, contro i 7”02 del russo, in un confronto senza errori e con riscontri di alto livello.
In semifinale Santoni ha superato il ceko Jan Kriz, con un tempo alto per entrambi (9”01 contro 9”39), mentre nell’altra finale il campione europeo Shikov volava con 6”92. Ma la finale, come spesso accade in questa disciplina, è stata soprattutto una gara di nervi e alla fine ha vinto chi ha sbagliato di meno. Il tempo dell’italiano, 9”, pur essendo ben lontano dal suo migliore riscontro, è stato sufficiente per superare il russo, “fermo” a 9”72, permettendo anche all’azzurro di vendicare la sconfitta subita in occasione della semifinale dei Campionati Europei, quando il 16enne russo l’aveva superato e costretto alla finalina.
I Mondiali Giovanili di Arrampicata Sportiva si concludono oggi con le semifinali e finali di Lead (Difficoltà). Nei giorni scorsi quattro azzurri hanno superato le qualificazioni, tra questi anche Stefano Carnati, laureatosi Campione europeo pochi giorni fa a Imst.
(da federclimb.it)

Youth B Female
1. Daria Kan (RUS)
2. Margarita Marsanova (USA)
3. Anastasia Manuyova (RUS)
4. Grace McKeehan (USA)

Youth B Male
1. Vladisav Myznikov (RUS)
2. Lev Rudatsky (RUS)
3. Kostiantyn Pavlenko (UKR)
4. Brandon Lieuw (USA)

Youth A Female
1. Elena Markusheva (RUS)
2. Kayla Lieuw (USA)
3. Kyra Condie (USA)
4. Aurelia Sarisson (FRA)

Youth A Male
1. Allesandro Santoni (ITA)
2. Aleksandr Shikov (RUS)
3. John Brosler (USA)
4. Jan Kriz (CZE)

Junior Female
1. Aleksandra Rudzinska (POL)
2. Anouck Jaubert (FRA)
3. Svetlana Okolnichniko (RUS)
4. Varvara Shatalova (RUS)

Junior Male
1. Nikita Suyushkin (RUS)
2. Artem Savelyev (RUS)
3. Sergey Luzgetskiy (RUS)
4. Konstantin Payl (RUS)

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.