Mondiali giovanili canoa slalom a Ivrea, l’Italia chiude con 7 medaglie

Due d'oro, quattro d'argento e un bronzo, quarto posto assoluto nel medagliere dopo Repubblica Ceca, Francia e Spagna, con 52 nazioni partecipanti e 450 atleti impegnati.

Mondiali giovanili canoa slalom a Ivrea, l’Italia chiude con 7 medaglie

Un oro e un argento, non poteva chiudersi in modo migliore l’avventura della nazionale italiana ai Campionati Mondiali junior e under 23 di canoa slalom. Jakob Weger è il nuovo campione iridato nel K1 under 23, mentre Marta Bertoncelli conquista uno splendido argento nel C1 junior. Il bilancio iridato degli azzurri è davvero straordinario. Il computo totale è di 7 medaglie: due d’oro, quattro d’argento e un bronzo. Quarto posto assoluto nel medagliere dopo Repubblica Ceca, Francia e Spagna, con 52 nazioni partecipanti e 450 atleti impegnati.
Il 20enne meranese si è reso protagonista di una discesa impeccabile nel K1 under 23, veloce e preciso tra le porte del fiume Dora ha chiuso la sua prova con il tempo di 77.22, a soli quattro centesimi dall’argento britannico Bradley Forbes Cryans. Bronzo per lo svedese Erik Holmer in 80.85. In finale anche il torinese Davide Ghisetti che ha macchiato la sua prova con un salto di porta ed un tocco di palina chiudendo con il tempo di 134.96.
“Ero già soddisfatto di aver raggiunto la finale, a quel punto ho pensato solo a fare la mia gara e a divertirmi. Avevo buone sensazioni ma non avrei mai pensato di poter vincere. E’ un grandissimo risultato che mi da’ la carica per il futuro”, ha spiegato l’azzurro che tra gli avversari ha incrociato anche il fratello Matthias, 22 anni, che invece gareggia per l’Austria. “Lui ha avuto una semifinale difficile ed era rammaricato ma anche molto contento per me”.
Nella finale della canadese monoposto junior (C1) Marta Bertoncelli sfodera una prestazione maiuscola, sfiorando il titolo mondiale per poco meno di 8 decimi. Medaglia d’argento quindi per la 17enne di Ferrara, bronzo mondiale lo scorso anno a Bratislava, con il tempo di 101.24 e un tocco di palina (penalità di 2 secondi) alla terzultima porta. Medaglia d’oro per ceca Gabriela Satkova (100.45), bronzo alla slovacca Sona Stanovska (104.55).
“La felicità per aver vinto questa medaglia in un mondiale in casa è davvero enorme. Sono scesa in acqua consapevole di poter far bene ma non pensavo di fare una gara così. Peccato per quel tocco di porta nel finale ma sono davvero contenta per me, la mia famiglia e tutti tecnici”.
“Le medaglie di oggi insieme a quelle conquistate nel giorni scorsi danno lustro al grande lavoro fatto per l’organizzazione di questi Mondiali”, sottolinea Luciano Buonfiglio, presidente della Federazione Italiana Canoa Kayak. “Vincere in casa vale doppio, e abbiamo vinto per tutti, anche per quelli che non hanno preso una medaglia, perché questo è il significato di essere una squadra. Questi successi sono dei nostri atleti, dei loro allenatori, delle loro affettuose famiglie e di tutti quelli che ci seguono con tanto entusiasmo. Chiudiamo un Mondiale positivo anche per l’inclusione che ormai la canoa rappresenta a Ivrea: credo che siamo ormai parte della città, anche grazie al fatto che l’amministrazione comunale, quella precedente e quella attuale, hanno capito veramente il valore che la canoa può portare a questo territorio. Negli ultimi quattro anni grazie al loro appoggio e a quello della Regione Piemonte, il comitato organizzatore, Associazione Proteina, con la collaborazione dell’Ivrea Canoa Club, si è impegnato al massimo, ottenendo come risultato la totale soddisfazione delle federazioni e degli atleti stranieri,
che qui si sentono a casa: è un risultato che davvero ci pone in posizione di leadership organizzativa a livello mondiale.”
Profonda soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore allo Sport della Regione Piemonte, Giovanni Maria Ferraris, grande e imprescindibile supporter del movimento di sviluppo della canoa slalom a Ivrea: “Questo campionato ci ha insegnato l’importanza di fare sistema con il territorio”, ha dichiarato Ferraris, “un territorio che ha saputo accogliere nel modo migliore i tanti ospiti. Determinante è stato il contributo di Regione Piemonte per la realizzazione di questo evento. Ho davvero apprezzato i colori del mondo in uno scenario rinnovato e sempre più coinvolgente. I giovani atleti presenti ci hanno davvero regalato tante emozioni e i nostri ragazzi azzurri anche dei podi importanti.

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.