Mondiali giovanili Arrampicata: 3 azzurri qualificati per #BuenosAires2018

Bilancio positivo per la spedizione azzurra con 2 titoli mondiali e tre atleti qualificati per le Olimpiadi giovanili del prossimo anno: Filip Schenk, Laura Rogora e Pietro Biagini.

Mondiali giovanili Arrampicata: 3 azzurri qualificati per #BuenosAires2018

Si sono conclusi a Innsbruck i Campionati del Mondo Giovanili di Arrampicata Sportiva con le prove di Combinata olimpica, valide anche alla fine della definizione del ranking per le qualificazioni alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires 2018.

L’Italia diretta dal Direttore Sportivo Franco Gianelli può ritenersi soddisfatta, anche se il bottino complessivo delle medaglie è inferiore a quello degli scorsi anni. L’obiettivo principale, ovvero la qualificazioni all’appuntamento olimpico del prossimo anno, è stato raggiunto al meglio delle possibilità attuali del nostro movimento, qualificando ben tre atleti dei quattro a disposizione per ogni Paese. Gli azzurri che voleranno in Argentina sono Filip Schenk (secondo nella combinata olimpica oltreché campione del mondo boulder), Laura Rogora e Pietro Biagini. Ogni paese poteva qualificare 2 uomini e 2 donne; abbiamo fatto il pieno con i primi, mentre per quanto riguarda il settore femminile era oggettivamente impensabile trovare una seconda atleta in grado di entrare nelle prime 13 del raking finale della Combinata, condizione questa necessaria per strappare la qualificazione. Quindi da questo punto di vista l’Italia è promossa a pieni voti.

Se guardiamo il medagliere complessivo della rassegna austriaca, poi, il team diretto da Franco Gianelli si è posizionato al quarto posto, alle spalle di Giappone, Stati Uniti e Russia, ma prima di Nazioni storicamente più attrezzate di noi nell’arrampicata, come Austria e Francia. Si tratta, anche in questo caso, di un risultato di grande rilievo, anche se è doveroso fare alcune considerazioni.

I due paesi che escono da questi mondiali giovanili come grandi dominatori sono il Giappone e gli Stati Uniti. Il paese del Sol Levante conquista 24 medaglie in totale, di cui 8 titoli mondiali (dei 24 in palio). Uno strapotere che la dice lunga sul motivo per il quale il Comitato Organizzatore di Tokyo2020 ha voluto inserire nel programma olimpico questo sport. I nipponici sono pronti da tempo: a livello assoluto dominano nella Lead e nel Boulder, a livello giovanile hanno fatto capire di essere in marcia per un futuro ancora da leader.

Alle loro spalle gli Stati Uniti portano a casa 14 medaglie complessive (una di meno della Russia) ma 5 titoli mondiali, frutto soprattutto di due atlete molto giovani e molto promettenti: Claire Buhrfeind e Ashima Shiraishi (statunitense anche se di chiare origini giapponesi).

Al terzo posto del medagliere c’è la Russia, che deve buona parte del suo bottino di 15 medaglie e 4 titoli mondiali allo straordinario settore della velocità. Questi tre paesi, da soli, conquistano 17 titoli dei 24 in palio. Al resto delle Nazioni restano le briciole.

L’Italia torna da Innsbruck con due titoli mondiali, oltre al già citato Schenk nel Boulder (per il gardenese anche argento nella Combinata) anche con Stefani nella Speed. Non sono le tre medaglie d’oro e dieci complessive dello scorso anno in Cina e neanche il bottino ricco del Mondiale di Arco di due anni fa. La promozione olimpica ha acceso l’attenzione di tutte le Nazioni su questo sport, alzando il livello complessivo e facendo entrare nello scenario internazionale quelle che dobbiamo considerare superpotenze quando si parla di Olimpiadi e mettendo in difficoltà i Paesi storicamente legati all’arrampicata, come Italia, Austria, Francia. Da questo punto di vista il Mondiale di Innsbruck deve essere considerato un primo campanello d’allarme.

Il medagliere di Innsbruck 2017

ORO

ARGENTO

BRONZO

TOTALE

Giappone

8

9

7

24

USA

5

3

6

14

Russia

4

7

4

15

Italia

2

1

0

3

Austria

2

0

1

3

Francia

1

1

1

3

Polonia

1

0

0

1

Ecuador

1

0

0

1

Cina

0

1

1

2

Spagna

0

1

1

2

Corea

0

1

0

1

Germania

0

0

1

1

Belgio

0

0

1

1

Bulgaria

0

0

1

1

TOTALE

24

24

24

72

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.