Mondiali Imola2020: le due facce della “Vittoria” Bussi e Guazzini

Ieri la cronometro donne elite ha visto il successo di Anna van den Breggen. Bene la Bussi, mentre la Guazzini non si è data pace per il suo 25° posto

Mondiali Imola2020: le due facce della “Vittoria” Bussi e Guazzini

Vittoria Guazzini non riusciva a trattenere le lacrime al termine della cronometro mondiale, la prima per lei: “Non ho mai cullato ambizioni da podio.. sono venuta qui ad Imola senza ambizioni di classifica, però oggi non riuscivo proprio a spingere.”

Poco importa ricordargli che è al suo primo mondiale di specialità: “Si ma non sono andata come al campionato italiano (che ha vinto, ndr.). Mi fa rabbia!”.

L’altra faccia della “Vittoria” è quella di Vittoria Bussi, che termina la sua crono esausta. “Ragazzi mai sentita una fatica simile…” il tempo di recuperare e fare mente locale per capire che infondo il 10° posto era l’obiettivo ed è stato raggiunto. “Se penso che un anno fa sono arrivata ad oltre 6 minuti della prima, oggi mi possono ritenere soddisfatta.”

“I margini di crescita di Vittoria Bussi – dice il tecnico azzurro Dino Salvoldi – sono ampi e lo ha dimostrato in questa cronometro. Volevamo arrivare tra le dieci e ci è riuscita”.

Il vento si è dimostrato l’elemento fondamentale di questo tracciato sul quale oggi scenderanno gli uomini elite. Tra i favoriti anche il nostro Filippo Ganna, terzo lo scorso anno al suo primo mondiale in una crono e vincitore, neanche 15 giorni fa, della crono conclusiva della Tirreno Adriatico: “Ma quella era solo di 10 chilometri. Ad Harrogate, invece, era quasi 60 i chilometri. Quindi difficile fare un paragone. Sarà importante gestire le forze e impostare bene le curve.”.

L’altro azzurro al via è Edoardo Affini: “Non mi pongo un obiettivo particolare. Vediamo cosa arriva. Il clima potrebbe giocare un ruolo decisivo: più che la pioggia il vento, ma ci sarà per tutti.”

Ed a proposito di curve, su una di queste ieri ha perso il mondiale e rischiato tanto la campionessa del mondo uscente, l’americana Dygert che ha perso il controllo del mezzo e finita fuori strada. Dovrà affrontare una lunga riabilitazione per una profonda ferita al ginocchio. Auguri!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.