Mondiali Para archery, 8 in pagella per l’Italia!

Ultimi sigilli arrivati l'oro di Eleonora Sarti e l'argento di Alberto Simonelli nel compound, ma anche i bronzi di Fabio Azzolini nel W1 e di Elisabetta Mijno nel ricurvo.

Mondiali Para archery, 8 in pagella per l’Italia!

Sale 8 volte sul podio l’Italia del para-archery, che chiude oggi in bellezza le gare iridate che qualificavano ai Giochi Estivi di Rio de Janeiro. Ultimi arrivati, l’oro di Sarti, l’argento di Simonelli e i bronzi di Azzolini e Mijno. Medagliere conclusivo a quota 8 medaglie (1 oro, 1 argento, 6 bronzi).Finali individuali, quelle che erano in programma oggi a Donaueschingen (GER), ultimo giorno di gare mondiali. Forte dei 4 bronzi di ieri, l‘Italia inizia subito bene nel W1 con Fabio Azzolini che, nella corsa per il bronzo, liquida 135-131 il britannico Cavanagh. In precedenza l’azzurro degli Arcieri Orione aveva liquidato il giapponese Saito (131-122) nei sedicesimi, lo slovacco Kinik (136-134) negli ottavi di finale e il tedesco Herter dopo lo shoot off. In semifinale la resa di fronte al ceco Drahoninsky (117-138), poi diventato campione mondiale dopo aver battuto in finale l’inglese Walker (143-136). 

Subito dopo arriva la notizia strepitosa dell’oro di Eleonora Sarti (Fiamme Azzurre), neo-campionessa del mondo nel Compound Open Femminile dopo un percorso netto, in Germania, partito con la qualificazione alle Paralimpiadi ed i due bronzi conquistati ieri nella prova a squadre femminile e nel duo misto. In finale Eleonora sconfigge 139-137 la cinese Lin: l’ultimo atto di un esaltante percorso iniziato nel tabellone con l’affermazione sulla iraniana Abbaspour (139-127) nei sedicesimi e proseguito con i successi contro la coreana Jeong (137-135) negli ottavi di finale, la cinese Zhou (144-138) nei quarti di finale e l’inglese Clarke (143-137) in semifinale. 

Anche Simonelli ha da festeggiare un’ottima piazza d’onore, sempre nel Compound: puntava al secondo titolo iridato dopo quello del 1998, ma ha dovuto cedere il campo al coreano Lee con il punteggio di 145 a 143. Nei sedicesimi, per l’arciere delle Fiamme Azzurre, il successo contro il turco Hanci (144-134). Il cammino era proseguito negli ottavi con lo statunitense Thompson (149-142), nei quarti di finale contro lo statunitense Shelby (battuto allo shoot off) e in semifinale contro l’inglese Stubbs (148-145). 

Per ultimo arriva il bronzo di Elisabetta Mijno, che non fa sconti alla russa Rossiyskaya, beffata col punteggio di 6-4 nella finale per il bronzo appena conclusa.Infine Claudio Peruffo, nella categoria Visually Impaired 2/3, ha perso il bronzo che era in palio, contro il britannico Bassett che si impone 6 a 2.

Luca Pancalli festeggia l’esito brillante della spedizione: “Esprimo le mie vivissime congratulazioni a tutto il gruppo del para-archery, che si è magnificamente messo in luce a Donaueschingen. Ancora una volta, se ce ne fosse il bisogno, i nostri arcieri si sono dimostrati all’altezza delle aspettative, centrando l’appuntamento con il podio in tutte le specialità dove era in palio non solo la medaglia mondiale, ma la qualificazione paralimpica a Rio 2016. Sono orgoglioso di questi ragazzi, dello staff tecnico sempre all’altezza delle sfide che ci aspettano, dello staff federale e della dirigenza FITARCO, nella persona del suo Presidente Mario Scarzella, tra i primi e più forti sostenitori del movimento paralimpico, cui ha dato sempre pieno sostegno e fiducia che oggi, ancora una volta, ritengo sia stata ripagata in modo lusinghiero. Avanti così, con la stessa mira infallibile: il prossimo bersaglio sono i Giochi brasiliani dell’anno prossimo”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.