Se lo sentiva, Fabio Anobile. Dopo l’esito sfortunato del Mondiale di Emmen, in cui è caduto proprio a 200 metri dal traguardo, sapeva che questa sarebbe stata la sua occasione. E l’ha finalmente colta. La sua bellissima medaglia d’oro (cat. C3) corona la prima giornata dedicata alle prove in linea al Campionato del Mondo di Paraciclismo di Cascais. Una vittoria desiderata da tempo: “E’ la conferma che il lungo percorso di preparazione che ho intrapreso da più di un anno sta dando i frutti attesi”.

Una gara controllata, senza attacchi memorabili: pazienza, grinta, gambe e cuore hanno regalato a Fabio la sua prima maglia iridata. “Un’emozione incredibile, una gara che ricorrerei anche adesso”racconta appena conclusa la prova.

“Era ora che ci facessi questo regalo” commenta un decisamente soddisfatto Mario Valentini, che con quella di oggi porta a quota 9 le medaglie d’oro conquistate dalla sua squadra.

Nella giornata di sabato due i podi sfiorati dalla Nazionale: quarto posto per Michele Pittacolo (C4) e Claudia Cretti (WC5), autori entrambi di una prestazione di potenza. Al suo primo Mondiale Claudia guida la corsa per tutta la sua durata, mollando solo alla fine e dovendosi accontentare della medaglia di legno. Comunque un bel segnale in prospettiva Olimpiadi l’ha lanciato. L’altra azzurra Eleonora Mele chiude invece nona. Nella categoria C5 top 20 per Pierpaolo Addesi e Andrea Tarlao, rispettivamente al 12esimo e 17esimo posto. Sesta piazza di Giancarlo Masini nella categoria C1, mentre Riccardo Panizza e Ivano Pizzi non vanno oltre il decimo posto col tandem.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta