Mondiali pista Jrs 2016, vola l’Italia femminile

L’Italia è a quota 4: 2 ori e 1 argento e 1 bronzo. Strepitosa prestazione del quartetto dopo che il giorno prima una formidabile Paternoster aveva dominato la corsa a punti.

Mondiali pista Jrs 2016, vola l’Italia femminile

E sono due! Il quartetto rosa delle meraviglie, primatista mondiale, composto da Elisa Balsamo, Chiara Consonni, Martina Stefani e Letizia Paternoster regala il secondo oro all’Italia in questa rassegna iridata dedicata alla categoria juniores in corso di svolgimento ad Aigle (Svizzera).

Su una pista più dura e più difficile e più corta le azzurrine superano se stesse e nella finale contro un “mostro” della disciplina come la Nuova Zelanda, realizzano una corsa perfetta conquistando uno splendido oro. Questa medaglia di peso si somma all’oro conquistato ieri da Letizia Paternoster nella corsa a punti e allo storico argento della coppia Gloria Manzoni e Martina Fidanza nella velocità olimpica.

Le azzurrine, già primatiste mondiali agli europei di Montichiari da poco conclusi (record in 4’29”234), dopo il miglior tempo in qualifica segnato nella giornata di apertura della rassegna iridata (4’33”129) che le ha proiettate direttamente alle semifinali, hanno segnato un altro miglior tempo (4’34” 871) anche nei quarti contro il Canada che, per un complicato sistema di accoppiamenti, gli permetteva di correre per l’oro nel pomeriggio.

Un quarto che ha visto anche la caduta dell’azzurrina Stefani, praticamente fuorigioco nella finale contro la Nuova Zelanda, quando ha preso il via per “onor di firma”. Una finale nella quale, però, la sorte, in debito nei confronti del quartetto azzurro (già squalificato lo scorso anno ad Astana per una falsa partenza molto dubbia, anche allora accreditate con il miglior tempo) ha provveduto a riequilibrare, facendo uscire di scena una delle frazioniste delle kiwi prima del previsto.

Dopo neanche tre giri, quindi, le due squadre si sono ritrovate in un inedito 3contro3, che non ha avuto storia: il quartetto azzurro ha letteralmente dominato la gara, doppiando nel finale le avversarie.

 

Le belle notizie dalla pista del centro UCI non finiscono. L’azzurrino Moreno Marchetti (classe 1998 di Cittadella) tricolore nella corsa a punti, ha conquistato una bellissima medaglia di bronzo nella specialità dello scratch, quella che più si avvicina ad una corsa su strada, con numerose varianti perché una corsa imprevedibile fino alla fine. Vince infatti a sorpresa l’atleta della Mongolia, TEGSHBAYAR Batsaikhan, argento al ceco Daniel Babor.

 

 

Medaglie azzurre:
Oro – Letizia Paternoster Corsa a punti
Oro – Inseguimento a squadre donne con Elisa Balsamo, Chiara Consonni, Martina Stefani e Letizia Paternoster
Argento – Gloria Manzoni e Martina Fidanza – Velocità olimpica.
Bronzo – Moreno Marchetti Scratch

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.