MTB XCO: una nuova dimensione per il fuoristrada azzurro?

MTB XCO: una nuova dimensione per il fuoristrada azzurro?
Eva Lechner sul podio di Albstadt

Eva Lechner sul podio di Albstadt

Marco Aurelio Fontana può essere fiero di quello che ha realizzato a Londra quando, lo ricorderete tutti, ha conquistato una medaglia di bronzo nel MTB Crosscountry pedalando metà dell’ultimo giro senza sellino. Adesso, però, si può appuntare sul petto un’altra medaglia, che in questo caso deve dividere con il tecnico della Nazionale Hubert Pallhuber e gli altri azzurri dell’XCO: aver trascinato il MTB italiano in una nuova mentalità vincente. Solo così si può spiegare quanto accaduto una settimana fa in Germania, nella prima prova di Coppa del Mondo: successo tra le juniores di Greta Weithaler e, il giorno successivo, impresa di Eva Lechner, che ha colto la sua seconda vittoria nella challenge UCI a distanza di anni.
Il segreto di tutto questo a nostro avviso è da ricercare proprio nella capacità di un campione come Fontana di fortificare un gruppo, aldilà del singolo appuntamento della staffetta (dove guarda caso siamo sempre competitivi). Per capire di cosa stiamo parlando, ci piace ricordare un tweet di @fontanaprorider al termine dei Mondiali di Ciclocross, ai quali parteciparono buona parte dei protagonisti dell’attuale stagione XCO: “Grazie ancora ragazzi @gioelebertolini @FCauz @AliceArzuffi @bikereva Franzo Nasty DBraidot MTodaro e @Federciclismo x il supporto”. Gli risposero tutti, mostrando uno spirito di squadra nuovo e diverso rispetto al passato.
Così la stagione del crosscountry non poteva iniziare nel modo migliore, soprattutto per Eva Lechner, la nostra migliore biker in circolazione e che, si spera, abbia raggiunto finalmente la consapevolezza della sua forza. La carica di Marco Aurelio Fontana, in questo caso, non può che essere un potente additivo ad un talento esistente da tempo. Ma è inutile cullarsi sugli allori, adesso è necessario ripetersi subito, per dimostrare che i successi non sono frutto del caso e soprattutto per annichilire la concorrenza, magari mettendo in chiaro che quest’anno alla Coppa del Mondo bisogna fare i conti anche con i biker azzurri.
Da venerdì 24 a domenica 26 maggio si svolgerà a Nove Mesto na Morave la seconda prova di Coppa del Mondo con le gare Eliminator e Cross Country.
Siamo partiti con il piede giusto, vincere da ottimismo e morale ma adesso bisogna continuare in questa direzione” ha confermato il D.T. Pallhuber. “Al di la del risultato sono contento dell’intero movimento, uomini e donne stanno lavorando bene e i risultati si vedono. Questi risultati sono il frutto del duro lavoro fatto nelle ultime stagioni. In Coppa i ragazzi più giovani che portiamo in maglia azzurra si trovano a gareggiare con quelli più esperti, vedi la Lechner e Fontana che corrono per i rispettivi club ma tutti fanno parte dello stesso movimento nazionale. Si lavora uniti, in stretta sinergia con le squadre di club, guardando ai mondiali e al nuovo quadriennio olimpico che si è appena aperto.”
Tornando alla prima gara di Albstadt”, continua Pallhuber, “sono contento per Eva, spero si possa subito ripetere sul podio perché lei è un’atleta fortissima ma ha bisogno di risultati per essere motivata e prendere fiducia nei propri mezzi. Bravissima anche la Weithaler, è una giovanissima che ha il futuro davanti a se. Però bisogna dare merito anche ai ragazzi. Sono stati un po’ sfortunati ma avrebbero potuto ottenere molto di più. Tra gli under23 Luca Braidot ha fatto una gara da podio ma ha avuto problemi meccanici sia alla partenza che poi nel finale che lo hanno penalizzato facendogli perdere tempo prezioso e ho visto molto bene anche Daniele Braidot e Nicholas Pettinà. Anche lo junior Gioele Bertolini ha corso benissimo ma è caduto nel penultimo giro compromettendo l’esito della sua prova. Mi aspetto di vederli subito protagonisti già a Nove Mesto.”
@Antonio_Ungaro

GLI AZZURRI CONVOCATI (U23 E JUNIORES)
Federico Barri (Tx Active Bianchi), Gioele Bertolini (Controltech Nevi Asd), Daniele Braidot (Gruppo Sportivo Forestale), Luca Braidot (Gruppo Sportivo Forestale), Moreno Pellizzon (Caprivesi), Nicholas Pettinà (Gruppo Sportivo Forestale), Massimo Rosa (Stacplastic Gt), Serena Tasca (Fm Bike Factory Team A.S.D.), Chiara Teocchi (Tx Active Bianchi), Greta Weithaler (A.S.V. Ötzi Bike Team).

VENERDÌ 24 MAGGIO
Ore 16,45 Qualificazioni Eliminator
Ore 18,00 Finali Eliminator

SABATO 25 MAGGIO
Ore 11,15 CDM XCO Donne Under 23
Ore 11,17 CDM XCO Donne Juniores
Ore 13,30 CDM XCO Uomini Juniores
Ore 15,30 CDM XCO Uomini Under 23

DOMENICA 26 MAGGIO
Ore 11,30 CDM XCO Donne Elite
Ore 14,00 CDM XCO Uomini Elite
sul canale youtube.com dell’UCI è possibile vedere le gare in diretta

Please follow and like us:

One Response to "MTB XCO: una nuova dimensione per il fuoristrada azzurro?"

  1. Pingback: Bolzano fucina di campioni di MTB, l'ultimo è Greta Weithaler | Sport24h

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.