Basilea – Nikita Nagornyy vince la nona edizione dei Campionati Europei di Ginnastica Artistica maschile. Il russo si conferma campione Europeo mantenendo saldo il titolo vinto a Stettino. Due anni fa, in Polonia, alle sue spalle arrivò il compagno di squadra, Arthur Dalaloyan, assente a Basilea per una lesione al tendine d’Achille. Oggi invece l’argento viene vinto dall’altro russo David Belyavskiy (pt. 85.864). Bronzo per l’ucraino Illia Kovtun con 84.864 punti. Ai piedi del podio svizzero si ferma il turco Ahmet Onder, a quota 83.598.

Tra i migliori 24 ginnasti del Vecchio Continente in gara anche Nicola Bartolini (Pro Patria Bustese) e Stefano Patron (Spes Mestre). Il venticinquenne di Quartu Sant’Elena, dopo una caduta da cavallo e un anello non al massimo delle sue capacità, si attesa nella classifica generale al nono posto con il totale di 80.331.

Il veneziano – classe 1999 – invece, ha terminato le sue sei rotazioni in undicesima posizione con il complessivo di 79.798. Da sottolineare però l’exploit di Patron alle parallele con 14.533 così come il 14.500 di Bartolini al corpo libero, attrezzo che lo rivedrà protagonista domani nella finale di specialità.

Tra le donne Martina Maggio, con il complessivo di 52.366, ha chiuso al sesto posto. L’azzurra è partita proprio dalla rincorsa sui 25 metri ed ha eseguito un salto da 14.233 punti. Il programma l’ha vista poi salire sulle parallele, da cui purtroppo è caduta proprio ad inizio esercizio. La giuria ha quindi valutato la sua routine con 11.800 punti.

Insoddisfatta della prestazione sugli staggi asimmetrici ha tirato fuori gli artigli alla trave. La brianzola, classe 2001, guadagna un 13.400 che la proietta verso la sesta posizione. La gara è terminata al corpo libero. La ginnasta di Villasanta, agente del Gruppo Sportivo Fiamme Oro della Polizia di Stato, sulle note di “Capone” di Ronan Hardiman, ha portato una performance valutata con 12.933 punti, non sufficiente per scalare la classifica fino al podio. Ma non è ancora detta l’ultima. Domenica, infatti, l’azzurra risalirà sul quadrato svizzero insieme a Vanessa Ferrari per la finale di specialità.

La regina della 9ª edizione dei campionati Europei individuali di Artistica Femminile è Viktoriia Listunova con 56.731 punti. La russa strappa il titolo di miglior ginnasta continentale alla francese Melanie Jesus Dos Antos, che lo aveva guadagnato a Stettino (Polonia) nel 2019 e finisce davanti anche alla sua compagna di squadra, Angelina Melnikova (pt. 55.432), medaglia d’argento di squadra a Rio 2016 e bronzo mondiale alla rassegna iridata tedesca di due anni fa. Il bronzo di oggi è andato all’inglese Jessica Gadirova, a quota 55.100. Si ferma ai piedi del podio svizzero l’altra inglese in gara, Amelie Morgan.

Appuntamento a domani, sabato 24 aprile, con la prima giornata di finali di specialità. In gara nelle final eight rivedremo non solo Giorgia Villa e Alice D’Amato alle parallele asimmetriche ma anche Salvatore Maresca agli anelli. Non perdetevi la diretta su Rai Sport HD dalle 13.30 alle 15.50 con la telecronaca di Andrea Fusco e il commento tecnico di Carmine Luppino.

foto (credit Simone Ferraro/FGI)

classifica finale AA maschile
SENIORS – Individual – All-Around Final AllAroundResultsWag_1

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta