NBA Conference Finals 2018: numeri e curiosità di Boston Cleveland

A Est i terribili giovani di Boston ospitano i Cavaliers di “King” James. Domenica 13 maggio in diretta dalle 21.30 su Sky Sport 2 e su NBA League Pass.

NBA Conference Finals 2018: numeri e curiosità di Boston Cleveland

L’ultimo e imperdibile appuntamento della stagione con le NBA Sundays, le partite domenicali della NBA in prima serata per l’Europa, vede i Boston Celtics ospitare i Cleveland Cavaliers al TD Garden in Gara 1 delle Eastern Conference Finals, con diretta domenica 13 maggio a partire dalle 21.30 su Sky Sport 2 e su NBA League Pass.

Di seguito alcune curiosità della serie:

  • Boston e Cleveland si incontreranno nelle Eastern Conference Finals per il secondo anno di fila. La scorsa stagione, i Cavaliers hanno battuto i Celtics in cinque partite. Questa sarà la loro ottava sfida nei playoff, con Boston che ha passato il turno quattro volte, contro le tre di Cleveland.
  • Cleveland potrebbe diventare una delle poche franchigie a raggiungere le NBA Finals per quattro anni consecutivi. Finora Boston (due volte), Los Angeles Lakers e Miami sono stati gli unici team a riuscire nell’impresa (anche Golden State, vincendo le finali della Western Conference, raggiungerebbe lo stesso traguardo).
  • I Celtics stanno inseguendo l’accesso alle Finals che manca dal 2010. Quell’anno sconfissero i Cavaliers nelle semifinali della Eastern Conference, ponendo fine alla prima esperienza a Cleveland di LeBron James.
  • LeBron James potrebbe diventare il sesto giocatore nella storia della NBA a disputare almeno otto finali NBA consecutive. I cinque a esserci finora riusciti giocavano tutti con i Celtics, circa mezzo secolo fa: Bill Russell (10), Tom Heinsohn (9), Sam Jones (9), K.C. Jones (8) e Frank Ramsey (8).
  • I Cavaliers sono in testa per 2-1 nei precedenti stagionali; tra le vittorie, anche quella per 121-99 a Boston dell’11 febbraio, ovvero tre giorni dopo aver stravolto il proprio roster durante la trade deadline, che vide il debutto di Jordan Clarkson, George Hill, Rodney Hood e Larry Nance Jr.
  • La scorsa stagione LeBron James ha superato Michael Jordan, diventando il leader all-time della classifica di punti e tiri liberi realizzati ai playoff. In questa stagione, invece, James ha passato Scottie Pippen nella classifica delle palle recuperate. È anche il secondo di sempre per triple realizzate (346), dietro a Ray Allen (385), e il terzo per assist.
  • I 34.3 punti di media registrati da LeBron durante questi playoff, sono la cifra più alta da lui realizzata dalla post season del 2009, quando i 35.3 punti a partita non furono sufficienti per evitare la sconfitta contro Orlando nelle Eastern Conference Finals.
  • L’head coach di Boston, Brad Stevens, ha gestito la serie contro i 76ers da manuale, riuscendo a limitare i punti di forza in attacco degli avversari, e costringendoli ad affrontare situazioni complicate in difesa. Stevens è stato lodato dai colleghi per le sue scelte e per gli schemi proposti, che risalgono agli anni da allenatore universitario a Butler. Dopo aver concluso la sua prima stagione a Boston con 25 vittorie e 57 sconfitte (2013-2014), i Celtics hanno migliorato ogni anno il numero delle gare vinte: 40-48-53-55.
  • Le prestazioni di Kevin Love contro i Raptors durante le Conference Semifinals, sono state un ottimo segnale per i Cavaliers. Il ventinovenne ha registrato 20.5 punti di media contro gli 11.4 del primo turno contro i Pacers, facendo la differenza vicino a canestro. Coach Tyronn Lue ha fatto di tutto per concedere a Love più possessi nel pitturato, e lui lo sta ripagando.
  • Terry Rozier, che sta sostituendo Kyrie Irving in quintetto, continua a brillare. Il ventiquattrenne viaggia ad una media di 18.2 punti a partita in questi playoff, al cospetto degli 11.3 della regular season. Rozier è solo l’ultimo dei giocatori scelti dal GM Danny Ainge al di fuori del Draft destinato, con tutta probabilità, a lunga carriera in NBA.
  • Il rookie dei Celtics Jayson Tatum ha segnato almeno venti punti in sette partite consecutive dei playoff, realizzando la seconda striscia all-time per un rookie NBA, a pari merito con Donovan Mitchell di Utah. Il record, pari a 10 partite, appartiene a Kareem Abdul-Jabbar (1970). Il ventenne Tatum sta registrando 18.8 punti di media a partita nei playoff, mentre in stagione regolare viaggiava a 13.9.
  • Durante le Conference Finals della scorsa stagione, l’allora ventenne Jaylen Brown è stato gettato nella mischia per alternarsi in difesa su LeBron James. Brown, che nella sua seconda stagione NBA ha sensibilmente migliorato il suo apporto offensivo, continua a brillare nella metà campo difensiva. Dopo aver subito un infortunio al bicipite femorale contro i 76ers, ha terminato la serie alla grande, segnando 24 punti con un 10 su 13 al tiro in gara 5.

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.