Brooklyn Nets-Boston Celtics sorride ai favoriti per la vittoria finale: termina con il punteggio di 104-93, grazie soprattutto ai 32 punti e 12 assist di Kevin Durant. La prima partita dei big three non tradisce le attese, ma nonostante ciò si nota da subito che i tre hanno giocato poco insieme quest’anno e che servirà ancora del rodaggio. Sotto i riflettori Robert Williams con le sue 9 stoppate (record di franchigia nei playoff), 9 rimbalzi e 11 punti. Non basta alla franchigia di Boston il vantaggio al primo tempo con 53 punti a referto. Jason Tatum chiude con un deludente 6/20 dal campo e 22 punti complessivi, ben distante dalla bella prestazione dei play-in. I Nets portano a casa la prima gara di una serie che sembra assolutamente alla loro portata.

I Philadelphia 76ers superano abbastanza agevolmente i Washington Wizards per 125-118 grazie a i 37 punti di Harris e i 30 di Embiid. Sembrano inutili le prestazioni positive di Bradley Beals e del trascinatore Russell Westbrook: solo 5 rimbalzi per il record-man di triple doppie della lega. Gli Wizards sono pronti al riscatto in gara2.

La sfida fra Denver Nuggets e Portland Trail Blazers finisce, al contrario dei pronostici, 109 a 123. Dame “Logo” Lillard fa registrare 34 punti e 13 assist e stende i Nuggets. Una prova di squadra, quella dei Blazers, che sbancano i più quotati Nuggets in gara1, portandosi in vantaggio nella serie. Una partita molto vivace, che ha visto un botta e risposta continuo: gli ospiti sono stati capaci di ribaltare il risultato dopo uno svantaggio di 9 punti a inizio terzo quarto, portandosi addirittura in vantaggio di 10 al termine della frazione, chiusa sul 38-25. E’ con una tripla alla fine del terzo quarto, infatti, che la partita inizia a virare in favore di Dame e compagni. Non bastano 34 punti per il candidato per il premio MVP Jokic.

I Clippers cedono con Dallas 103-113 e nella vittoria c’è, come sempre, la firma di Luka “Magic” Doncic che fa registrare a referto una tripla doppia: 31 punti 10 rimbalzi e 11 assist. Insieme a lui l’immancabile Tim Hardaway Jr., con 21 punti. Ai Clippers, fra i favoriti per la vittoria finale, non bastano un ispirato Kawhi Leonard (26 punti) e Paul George (23 punti). Per sapere se i Mavs riusciranno a superare il primo turno e a prendersi la rivincita per la sconfitta dell’anno scorso nella bolla di Orlando, bisogna aspettare ancora. Mercoledì notte gara2.

Milwaukee Bucks-Miami Heat termina con il punteggio di 109-107. Sugli scudi un super Middleton (27 punti, 6 rimbalzi e 6 assist). Domina l’equilibrio: infatti si decide tutto all’overtime. I vice-campioni sono in formato playoff, trascinati dal solito Jimmy Butler. Una feroce e intensa lotta difensiva apre questa serie. Non sono mancate le giocate del due volte MVP Giannis Antetokounmpo. Con personalità e leadership Butler porta la partita ai supplementari, ma è una bomba di Middlton a mezzo secondo dal termine a decidere gara1. Sarà così equilibrata anche gara2?

Phoenix Suns-Los Angeles Lakers termina 99-90. Protagonista Booker con 34 punti. Il ritorno sul parquet dei playoff dopo molti anni di assenza sorride ai Suns di Devin Booker e Chris Paul. I campioni in carica cedono al primo incontro, ma l’idea è che vedremo un’altra squadra in gara due. Con LeBron e Davis in campo insieme, i giallo-viola non brillano. Booker e compagni, dopo il 7-0 registrato nella bolla di Orlando la scorsa estate, non smentiscono le attese. Sicuramente è una delle serie più imprevedibili di questi playoff: sulla carta non ci sarebbe storia, ma in realtà abbiamo da un lato i campioni in carica che hanno raggiunto a malapena i playoff, dall’altro una squadra che ha concluso una strepitosa regular season e che è pronta a stupire tutti.

La sfida della notte fra New York e Atlanta finisce all’ultimo secondo 105-107. Young fa registrare 32 punti, Burks 27. E’ proprio Young che sulla sirena gela il Garden e così Atlanta sbanca New York. In pochi secondi un rapido palleggio lo porta sotto canestro per concludere con stile gara1. Il ventiduenne è stato preso di mira dal pubblico caldissimo del Madison Square Garden, ma ha saputo rispondere con personalità. Partita sottotono per il nostro Danilo Gallinari: 7 punti e tanti errori.

Grizzles-Utah Jazz 112-109. Bogdanovic ne segna 29 (4/5 da due, 4/11 da tre), Brooks 31 e Ja Morant 26. La sconfitta della squadra con il miglior record della regular season è certamente il risultato più inaspettato del primo turno dei playoff. Pesante l’assenza per infortunio della stella Donovan Mitchell. Dopo aver eliminato Golden State nel play-in, i Grizzles di Ja Morant e Brooks (57 punti in due), superano i Jazz a Salt Lake City. Una partita dominata difensivamente e gestita molto bene sul fronte offensivo, anche grazie alla prestazione sottotono di Gobert, uno dei migliori difensori della lega. I Jazz sono chiamati a una risposta forte in gara2.

Nato a Roma il 17/03/1998, studente di giurisprudenza e direttore del giornale universitario "360gradi - Il giornale con l'università intorno". Giocatore seniores della Unione Rugby Capitolina e allenatore. Mi piace scrivere, soprattutto di sport, in particolare tennis, basket, rugby, nuoto e, più in generale, di storie di sport.

Commenta