Nuova Zelanda Francia 62-13, black power!

Gli All Blacks regolano i conti con il passato e con una formazione, quella francese, che gli ha sempre creato problemi, con un punteggio pesante e umiliante.

Nuova Zelanda Francia 62-13, black power!

NUOVA ZELANDA FRANCIA 62-13 – La Francia doveva essere la bestia nera degli All Blacks e soprattutto l’unica superstite di un rugby europeo in grado di sfidare le squadre australi in tecnica, agilità e fantasia da contrapporre a forza fisica e velocità. Non c’è stata partita.

Questa Nuova Zelanda aveva troppe cose da regolare nei confronti dei transalpini per farsi sorprendere. I tuttineri hanno presentato il conto all’avversario storico mordendo al collo la vittima nel momento di maggior debolezza.

I kiwi erano l’avversario giusto, per la Francia, per riscoprire l’antico orgoglio, ma anche il più rischioso, visto che non fanno sconti mai, figuriamoci agli odiati galletti. Alla fine è maturato un punteggio che si adatta bene ad una partita contro l’Italia o altra squadra di pari livello, non certo contro la Francia che a Twickenham ha perso non solo la partita ma anche l’onore.

Per quanto riguarda gli All Blacks, si ritrovano con due ali che meriterebbero, già adesso, un posto nella Hall of Fame: Milner Skudder e soprattutto Savea. Quest’ultimo ha ricordato Jonah Lomu, meno possente ma, se possibile, più veloce e duro negli impatti. Il tempo ci dirà se è così. La squadra neozelandese ammirata sabato mette paura, resta da capire se per mancanza di avversario credibile o forza intrinseca. La semifinale contro il Sud Africa sarà in grado di dirci di più. Alla luce di quanto visto nei quarti di domenica, crediamo che da questa parte del tabellone uscirà la vincente della Coppa del Mondo… (continua)

Nuova Zelanda Francia

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.