TOKYO, 23 AGOSTO 2021 – Oggi, presso l’Olympic Stadium di Tokyo, si apriranno ufficialmente i XVI Giochi Paralimpici estivi di Tokyo 2020. L’Italia, che si presenta a questo evento con il gruppo più numeroso di sempre (115 atleti), sarà rappresentata, durante la cerimonia di apertura, dalla schermitrice Beatrice Vio e dal nuotatore Federico Morlacchi, un oro e un bronzoai Giochi di Rio 2016, la prima, un oro, tre argenti e tre bronzi, il secondo, da Londra 2012 a oggi.

“E’ bellissimo, non vedo l’ora che sia sera” (alle 13 in Italia), commenta Bebe Vio. Sono molto emozionata perché è qualcosa di più grande di me – confessa – Meno male che c’è Federico che mi aiuterà a trovare la strada giusta perché io so già che passerò tutto il tempo a piangere”. Una splendida responsabilità essere portabandiera: “Rappresentare un Paese così bello è veramente qualcosa di grande – commenta Bebe Vio – La nostra Nazionale di scherma è pronta, è carica, non vediamo l’ora di cominciare. Questi cinque anni sono durati tanto, ma l’ultimo non lo abbiamo praticamente fatto. Abbiamo cercato di stimolarci a vicenda e se sono qua è grazie alla mia squadra, allo staff che ha fatto un mezzo miracolo per tenerci motivati: insomma, mi reputo veramente molto fortunata di far parte di questa Nazionale”.

Tanta l’emozione anche nelle parole di Federico Morlacchi: “Quella che proveremo domani sarà un’emozione unica,  perché vedere quel fuoco che arde dopo un anno complicato sarà una liberazione. Siamo tutti carichi e concentrati e non vediamo l’ora di dare il massimo – promette – Il clima all’interno dell’Italia team è molto sereno, ci presentiamo come una delle Nazioni più forti e una di quelle da battere”.

“Il mio obiettivo ai Giochi è molto semplice – aggiunge Morlacchi – Voglio solo divertirmi e godermela fino in fondo. Poi dal 5 settembre inizierà la missione più difficile, la missione di papà per la quale nessuno, alla fin fine, è mai allenato”.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta