Continua la fase finale della PRADA Cup con il secondo giorno di regata. Scenario delle due prove odierne il campo E, tra le isole di Waiheke e Rangitoto, una zona in cui il vento è soggetto a condizioni difficili dovute all’altezza delle isole circostanti.

Luna Rossa, con due spettacolari prove di puro match race, conquista altri due punti che consolidano il vantaggio sul 4-0 contro gli inglesi.

La prima regata parte come da programma alle 16.15 con 15-16 nodi di vento. Luna Rossa entra dalla parte destra della pre-start area e riesce a mettersi subito in controllo di INEOS Team UK.

Le due barche procedono a oltre 30 nodi mure a dritta. Allo zero, perfettamente sulla starting line, Luna Rossa vira verso il lato destro del campo, lasciando andare gli inglesi sulla sinistra.

Da quel momento è una guerra di virate, in perfetto stile match race, che vede Luna Rossa difendere la destra del campo, evidentemente con più pressione di vento. Il vantaggio al primo gate è di 9 secondi.

Il lato di poppa è soprattutto focalizzato sul controllo della barca inglese, che recupera qualche metro ma non passa avanti. La seconda bolina continua ad essere serrata. Luna Rossa applica il manuale del match-race a regola d’arte, incrementando il vantaggio al terzo gate di 18 secondi.

Il copione si ripete simile anche nei successivi lati, con manovre eseguite perfettamente. La prima prova si conclude con un vantaggio di 13″.

Appare evidente che l’equipaggio italiano ha mandato a memoria le lezioni delle settimane precedenti, quando in analoga situazione aveva lasciato campo agli inglesi. Soprattutto la semifinale con American Magic ha permesso di oliare la meglio gli automatismi.

Nella seconda prova, il vento cala a 12-14 nodi. Gli ingressi nell’entry box questa volta sono invertiti,  prima Luna Rossa a 2:10 da sinistra e a 2 minuti INEOS da destra. Nelle manovre di pre-start, quando manca un minuto, INEOS casca dai foil, riesce a riprendere il volo in pochi secondi e a recuperare, ma non è sufficiente per superare Luna Rossa che conduce in tutti i lati incrementando il guadagno. La regata si chiude con un vantaggio di 37″.

A causa di alcuni nuovi casi di COVID-19 registrati, il governo neozelandese ha annunciato di innalzare il livello di allerta COVID a livello 3 per le prossime 72 ore a partire dalle 23.59 di oggi. Questo significa che le regate in programma mercoledì sono posticipate e il villaggio regate rimarrà chiuso.

Francesco Bruni, timoniere: “E’ stata una giornata bellissima, siamo molto contenti. Il morale è alto ma dobbiamo mantenere alta anche la concentrazione perché ci vuole poco per ribaltare la situazione. Gli inglesi sono un team fortissimo che in termini di prestazioni della barca sono molto simili a noi. Dobbiamo essere molto attenti a non fare errori. Si tratta di rimanere concentrati e fare ancora tre punti.”

credit foto: © LUCA BUTTO’

Commenta