Con altre due solide vittorie contro NYYC American Magic, Luna Rossa Prada Pirelli conquista l’accesso alla finale di PRADA Cup, dove ad aspettarla ci sono gli inglesi di Ineos Team UK, vincitori imbattuti nei round robin.

Per certi versi il limiti della manifestazione sportiva più antica al mondo, l’Americans Cup, è proprio nel duello andato in scena nelle acque neozelandesi questa notte. Luna rossa e American Magic sono due delle quattro barche in corsa per la Coppa. Una di queste esce di scena oggi. Una vita per preparare la sfida, tanti soldi spesi, e un’avventura che non dura neanche un mese. Ne è valsa la pena?

Nella prima regata Luna Rossa entra dalla parte sinistra dell’entry box, e si dirige subito sul lato destro. Già nella prima bolina costruisce il vantaggio che va ad incrementare per tutta la regata, con distacchi ad ogni gate che oscillano tra i 20 e i 40 secondi. La prova si chiude con Luna Rossa che taglia il traguardo 35 secondi prima degli americani.

Nella seconda regata Luna Rossa vince la partenza mure a dritta, costringendo American Magic a virare e rimanere sulla destra del campo. Già nella prima bolina gli americani sono un centinaio di metri dietro. Al primo gate il distacco è di 45 secondi. Nel lato di poppa, Luna Rossa naviga pulita con manovre impeccabili. Gli americani iniziano ad avere evidenti problemi nella conduzione, costretti più di una volta a oltrepassare il boundary e prendere penalità. Il distacco aumenta e la regata si chiude dopo 6 lati, con Luna Rossa in vantaggio di oltre 2 minuti e mezzo
Luna Rossa ritornerà di nuovo in acqua il 13 febbraio per le regate finali della PRADA Cup.

Max Sirena, skipper e team director – “È stata una bella giornata. Abbiamo raggiunto il primo step che era quello di andare in finale di PRADA Cup. I ragazzi hanno portato benissimo la barca, alla perfezione, come avevamo programmato nella pretattica prima della regata. In tutte e due le partenze sono stati molto bravi a controllare l’avversario. Era una giornata non semplice, il vento era molto rafficato e in poppa era difficile mantenere il controllo. La cosa che ci da più soddisfazione sono le performance della barca ed il modo di comunicare a bordo che stanno migliorando molto. È solo il primo step da domani pensiamo alla finale che sarà difficilissima, quindi testa bassa e concentrati.”

Jimmy Spithill, helmsman – “Sono state due belle regate, i ragazzi hanno regatato molto bene oggi e hanno fatto pochissimi errori. Nella seconda prova ci siamo trovati un po’ sovradimensionati nel nostro setup ma penso che i ragazzi si siano adattati bene e siamo stati in grado di ottenere due vittorie convincenti in una serie davvero solida. Penso che per tutto lo shore team e il design team siano stati giorni senza sosta, non hanno mai avuto un vero e proprio day-off, hanno sempre lavorato per cercare di studiare soluzioni che potessero ottenere qualche vantaggio dalla barca. E credo che come squadra abbiamo lavorato bene.”

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta