Finalmente ci siamo! Da domani la Nazionale 3×3 Femminile sarà impegnata nel torneo pre-olimpico di Graz (Austria) che qualifica 3 squadre ai Giochi Olimpici di Tokyo.

Coach Andrea Capobianco sceglierà le quattro Azzurre che scenderanno in campo domani solo dopo l’ultimo allenamento, previsto a Graz nel tardo pomeriggio di oggi.

“Siamo arrivati a Graz pronti e fiduciosi, anche se l’impegno che ci attende è complicato. Non a caso il nostro esordio sarà con la Spagna, da anni al vertice del 3×3 europeo e mondiale e una delle favorite per ottenere l’accesso a Tokyo. Noi ci siamo preparati bene, pensiamo di poter giocare alla pari con tutte se porteremo in campo la giusta mentalità. Dobbiamo alzare gli occhi dal campo solo al suono dell’ultima sirena: per battere avversari forti come la Spagna dovremo essere cinici, chirurgici nell’approfittare dei loro momenti di sbandamento”.

Le Azzurre fanno il loro esordio nel girone D alle ore 17.00 contro le vice-campionesse d’Europa della Spagna e poi tornano in campo per affrontare Cina Taipei alle 20.45. Il 28 maggio le altre sfide con Svizzera (ore 17.25) e Austria (19.05).

Sarà possibile vedere tutte le partite sul canale YouTube di FIBA3x3.

Alla fase finale del 30 maggio accedono solo le prime due dei quattro gironi: in caso di passaggio del turno l’Italia incrocerebbe nei quarti di Finale le squadre del girone B, ovvero Iran, Giappone, Ucraina, Thailandia e Australia.

Ai Giochi Olimpici di Tokyo si qualificano le prime tre classificate del torneo di Graz.

Nel caso in cui non riuscisse ad ottenere il passaggio del turno, la squadra di Andrea Capobianco avrà una seconda possibilità all'”Universality Olympic Qualifying Tournament” che si giocherà a Debrecen (Ungheria) dal 4 al 6 giugno. In quell’occasione sarà in palio l’ultimo biglietto per Tokyo: in campo Italia, Ungheria, Giappone, Iran, Cina Taipei e Paesi Bassi.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta