Si chiude con una vittoria e una sconfitta la prima giornata della Nazionale al torneo Pre-Olimpico 3×3 femminile di Graz. All’esordio le Azzurre sono state battute dalla Spagna 21-20 al termine di una partita straordinariamente bella ed equilibrata, con le due squadre a rincorrersi e superarsi a suon di triple. Alla fine l’ha spuntata la Spagna col piazzato di Cuevas, dopo che la squadra di Andrea Capobianco aveva sprecato un paio di “match-point” per chiudere il conto in anticipo.

Nel secondo impegno le Azzurre hanno superato Cina Taipei 21-14, prendendo la testa nei primi minuti e poi controllando il ritorno delle asiatiche senza grandi problemi. Vittoria importante e 21 punti segnati per l’Italia, dato da non sottovalutare perché per il passaggio del turno, visti gli altri risultati del girone che hanno determinato un incredibile equilibrio, il goal average potrebbe rivelarsi decisivo.

Oggi giorno di riposo, venerdì si torna in campo con Svizzera e Austria. Fondamentale vincere entrambi le partite per chiudere il girone D nei primi due posti e incrociare probabilmente una tra Giappone e Australia.

Sarà possibile vedere tutte le partite sul canale YouTube di FIBA3x3.

Ricordiamo che alla fase finale del 30 maggio accedono solo le prime due dei quattro gironi: in caso di passaggio del turno l’Italia incrocerebbe nei quarti di Finale le squadre del girone B, ovvero Iran, Giappone, Ucraina, Thailandia e Australia.

Ai Giochi Olimpici di Tokyo si qualificano le prime tre classificate del torneo di Graz.

Nel caso in cui non riuscisse ad ottenere il passaggio del turno, la squadra di Andrea Capobianco avrà una seconda possibilità all'”Universality Olympic Qualifying Tournament” che si giocherà a Debrecen (Ungheria) dal 4 al 6 giugno. In quell’occasione sarà in palio l’ultimo biglietto per Tokyo: in campo Italia, Ungheria, Giappone, Iran, Cina Taipei e Paesi Bassi.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta