Preparazione Hockey World League: Cile-Italia ancora un pareggio (2-2)

Preparazione Hockey World League: Cile-Italia ancora un pareggio (2-2)
Hockey World League

Italia-Cile 2-2: le azzurre tra il secondo e il terzo quarto

Finisce 2-2 la terza partita tra Cile e Italia nella terza amiche di preparazione per i quarti di finale della Hockey World League femminile. A Santiago, le azzurre di Fernando Ferrara dominano la gara ma non riescono a trovare la prima vittoria della serie, di cui stanotte si disputerà il quarto e ultimo test. Rete di Martina Lecchini su assist di Marcela Casale per il gol dell’1-0 azzurro e pari di Marcela Casale, su assist di Martina Lecchini, per il gol del 2-2 che riequilibra, a cinque minuti dal termine, una amichevole che le sudamericane di Ronald Stein erano riuscite a ribaltare (nel risultato). Nel mezzo tante occasioni sprecate dall’Italdonne, che ha colpito anche un palo e che sull’1-0 ha sfiorato tante volte il gol del raddoppio. Fernando Ferrara riconosce i continui progressi della sua squadra, padrona del campo, ma è soddisfatto a metà: a fronte di tante azioni prodotte è necessaria una maggiore precisione sotto porta. “Siamo migliorati, anche oggi, sul piano del gioco e sotto tutti gli aspetti”, dice l’allenatore della nazionale italiana femminile di hockey su prato. Dopo lo 0-0 di gara 2, stavolta “abbiamo fatto due gol su azione e creato una grande mole di gioco; però sprechiamo molto” e questo naturalmente non soddisfa il mister azzurro. Le statistiche dicono che l’Italia è entrata in area 26 volte contro le 17 del Cile, penetrando in 46 circostanze nei 22 avversari (il Cile invece lo ha fatto in 33 occasioni). Sette i tiri in porta azzurri contro i tre cileni e vantaggio anche nel numero di corner corti: 3-2. “Su due dei nostri corti siamo andati vicinissimi al gol; – precisa Ferrara – abbiamo avuto più occasioni, ma per la mole di gioco che produciamo dobbiamo segnare di più. Sull’1-0 abbiamo sfiorato il raddoppio in diverse circostanze, ma senza segnare”; così si “fatica a chiudere; e quando siamo calati un po’ è arrivato il pari cileno” che ha generato una partita “subito equilibrata”, che le sudamericane, nel loro momento migliore, hanno rovesciato nel giro di dieci minuti. “Noi però abbiamo continuato a giocare bene” e a 5’ dal termine è arrivato il pari. Come volume di gioco “noi ci siamo espressi meglio in tre tempi” su quattro, con l’Italia padrona per ampie porzioni di gara e il Cile che, invece, ha dato il meglio di sé nel terzo quarto. Adesso è necessario “continuare a lavorare e tanto”, magari per trovare quella concretezza e quel cinismo che Ferrara vuole dalle sue giocatrici e perché la condizione “non è ancora delle migliori, ma siamo sulla buona strada”.
Nella mattina di oggi le azzurre lavoreranno in palestra e stanotte (23 italiane) si gioca ancora: l’obiettivo naturalmente è “vincere, per pareggiare, almeno, la serie”; poi “ci concentreremo sul lavoro che dobbiamo fare in Argentina”, che l’Italia raggiungerà venerdì 16 gennaio, con ‘destino Buenos Aires’.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.