Presentata a Roma l’Agenda per lo sport di Mario Monti

Presentata a Roma l’Agenda per lo sport di Mario Monti

Rossi-MontiVenerdì mattina a Roma è stata presentata l’Agenda per lo Sport alla presenza del presidente Mario Monti, Maurizio Rossi, capolista al Senato in Liguria, Valentina Vezzali e Annalisa Minetti. Diciamolo subito, su una cosa (forse l’unica) siamo d’accordo con Monti: lo sport, mai come in passato, è diventato uno dei temi portanti della campagna elettorale. Ogni schieramento (ad eccezione forse per il PDL che continua ad appaltare lo sport a Berlusconi per il solo fatto che è presidente di una squadra di calcio) ha presentato tra i propri candidati persone “di” sport. Come Josefa Idem, per il PD, Pierangelo Vignati, per il FLI, Marcel Vulpis, nella lista Monti, oltre alla già citata Vezzali, per citare solo i primi nomi che vengono in mente.
In occasione della presentazione dell’Agenda per lo Sport, però, non si sono sentite parole innovative, ma solo quanto sarebbe prevedibile ascoltare da un professore universitario che, al pari di avvocati e magistrati (per citare le categorie più rappresentante in parlamento) vede nello sport solo uno dei tanti sistemi educativi (statisticamente il terzo polo educativo, dopo famiglia e scuola….)
“Credo nello sport come valore sociale di integrazione e insegnamento – ha detto Rossi – e in questi anni ho imparato a capire che c’è un rischio enorme per la sicurezza e i controlli su bambini e giovani atleti. Devono essere rafforzati i controlli sul doping ed effettuati nei minori  controlli a campione. Bisogna migliorare le misure di sicurezza degli impianti sportivi. Per quegli allenatori e quei genitori che mettono a rischio la salute dei giovani atleti ritengo che le sanzioni debbano essere pesantissime.  Basta scandali: lo sport – conclude il capolista al Senato per la Liguria – deve tornare a rispondere ai principi irrinunciabili di lealtà, convivenza e integrazione sociale”.
Mario Monti ha spiegato che i temi sociali includono il rapporto tra individui, società e Stato. Lo sport in questi termini diventa un elemento fondamentale. L’attività sportiva è necessaria non solo per migliorare il benessere fisico, ma come strumento di insegnamento dell’educazione civica, “insegna a rispettare le regole ed evitare scorciatoie lesive per l’individuo e la sana competizione”. Il premier inoltre ha sottolineato il ruolo di Vezzali e Minetti, “candidate che hanno raggiunto risultati importanti, esempi che mi stanno a cuore come società civile nella sua espressione migliore per partecipare allo sforzo collettivo di miglioramento della politica italiana”.
Intanto, anche portiere della Juventus e della Nazionale Gigi Buffon ha dato il suo “appoggio totale e incondizionato” a Monti. Lo ha fatto attraverso una mail che il premier ha reso pubblica nella conferenza stampa di venerdì: “Ho la certezza – ha scritto Buffon a Monti – che al comando ci sia un uomo tutto d’un pezzo, una persona seria e affidabile”. Appunto!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.