Si è svolta a Roma presso il centro di Preparazione Olimpica Acqua Acetosa Giulio Onesti la conferenza stampa di presentazione della squadra di Tiro a Segno che parteciperà ai Giochi di Tokyo 2020.

Nessun cambiamento rispetto alle carte olimpiche conquistate: Marco De Nicolo (Fiamme Gialle), Lorenzo Bacci (Fiamme Oro), Marco Suppini (Fiamme Oro), Riccardo Mazzetti (Esercito), Paolo Monna (Carabinieri), Sofia Ceccarello (Fiamme Oro) e Tommaso Chelli (Fiamme Gialle) saranno i 7 protagonisti che rappresenteranno l’Italia in questa edizione dei Giochi.

Il Commissario Straordinario UITS Igino Rugiero ha ringraziato i presenti ed ha lasciato la parola al Presidente del CONI Giovanni Malagò:”Senza nulla togliere agli altri atleti, una menzione speciale devo farla a Sofia, sia per la sua giovane età, sia perchè la sua carta è arrivata all’ultimo ed è stata una vittoria sofferta fino alla fine. Voglio ringraziare il Commissario per questi risultati e per il lavoro che ha svolto, non era affatto scontato soprattutto perchè siete una Federazione particolare che ha anche un anima pubblica. Sarò vicino a voi, sono orgoglioso di questi risultati: bravo Igino, hai tenuto la barra ferma e il timone dritto in questo momento di tempesta”.

Il Commissario Straordinario UITS Igino Rugiero che ha presentato ufficialmente la squadra. Il veterano è Marco De Nicolo che è il nostro uomo dei record visto che Tokyo sarà la sua sesta Olimpiade dopo Sydney, Atene, Pechino, Londra e Rio.

Ci sono poi 5 esordienti: Sofia Ceccarello che è la più giovane ed è l’unica rappresentante delle cosiddette quote rosa per questa edizione. Paolo Monna, al suo secondo anno da seniores ha preso il pass nella pistola 10 metri agli Europei di Wroclaw dello scorso anno dopo averlo rincorso ed esserci andato vicino in più di un’occasione.

Tommaso Chelli che proprio la scorsa settimana ha ottenuto il pass nella pistola automatica agli Europei di Osijek. Lorenzo Bacci e Marco Suppini, entrambi alla prima esperienza olimpica e Riccardo Mazzetti che è alla sua seconda Olimpiade (la prima fu Rio nel 2016 dove conquistò il sesto posto).

La conferenza stampa si è conclusa con l’intervento del Direttore Sportivo Valentina Turisini:”Abbiamo un record di qualifiche visto che anche a Londra 2012 avevamo 7. Nel frattempo purtroppo il tiro a segno ha subito una lenta erosione delle quote (-30 negli ultimi 8 anni). Abbiamo perso due discipline, la pistola libera e la carabina libera a terra nelle quali peraltro eravamo molto forti, per cui questo risultato per noi ha un sapore molto particolare.

La squadra è composta da giovani e da giovanissimi più due veterani che faranno da capisquadra in questa occasione. In questi anni ci siamo dovuti reinventare; il lavoro degli atleti, dello staff e di tutti quelli che stanno dietro a questa macchina è stato duro ma per fortuna le soddisfazioni sono arrivate. Sono lieta di vedere che l’ Italia manda in campo la squadra al completo di pistola automatica, cosa che non accadeva dalle Olimpiadi di Los Angeles dell”84.

Sarà un’ Olimpiade caratterizzata da restrizioni ma come sportivi siamo grati che si possa svolgere perchè dietro ci sono anni di lavoro, di sacrificio, di sogni e aspettative da parte degli atleti, dei tecnici, di tutto lo staff, della Federazione, dei Gruppi Sportivi Militari e anche delle famiglie. Quindi tecnicamente sarà tutto un pò più complesso del solito. Io previsioni non ne faccio, ma auguro ai ragazzi di tornare in Italia con la consapevolezza di aver dato il massimo”.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta