Qatar Open di Double Trap: Chianese è d’oro ed Innocenti di bronzo

Di Spigno fuori dalla semifinale allo spareggio. Cenci: buon inizio di stagione.

Qatar Open di Double Trap: Chianese è d’oro ed Innocenti di bronzo

La stagione agonistica internazionale del Doubke Trap inizia sotto i migliori auspici per l’Italia. Due medaglie hanno premiato la squadra del Direttore Tecnico Mirco Cenci impegnata nella gara del Qatar Open di Double Trap in svolgimento nel Lusaill Complex di Doha.

Quella più prestigiosa è andata al collo di Alessandro Chianese, che è riuscito a scalare la vetta del podio fino alla vetta. Il marinaio di Casandrino (NA) si è qualificato alla finale con il punteggio di 134 su 150, migliore di giornata ed eguagliato solo dal qatarino Hamad Al Marri, ed ha poi sbaragliato gli altri cinque finalisti con il totale di 66/80, lasciandosi alle spalle proprio Al Marri, argento con 65.

La seconda medaglia azzurra è arrivata per mano di Marco Innocneti, medaglia d’argento ai Giochi Olimpici di Rio 2016. Il toscano si è battuto fino alla fine, arrendendosi solo nell’ultima tornata eliminatoria con il totale di 48 su 70.

Finale sfiorata da Daniele Di Spigno (Fiamme Oro) di Terracina, che dopo aver concluso le cinque serie di gara con il punteggio di 126/150 ha spareggiato con altri quattro tiratori per due posti nel round finale e si è fermato al settimo posto con 126 +2.

Lontani dalla vetta della classifica gli altri azzurri in gara. Andrea Vescovi (Fiamme Oro) di Città di Castello (PG) si è piazzato in undicesima posizione con 124, Ignazio Tronca (Fiamme Oro) di Milano e Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC), entrambi con 118, hanno occupato la diciassettesima e la diciottesima posizione, mentre Stefano Ales di Tivoli ha chiuso diciannovesimo con 117.

“Un buon inizio – ha commentato il Direttore Tecnico Mirco Cenci – Noi italiani diamo sempre il massimo in ogni occasione. Nell’attesa che la Federazione Internazionale decida delle nostre sorti olimpiche, noi continuiamo a fare il nostro dovere portando allori nel medagliere azzurro”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.