Piestany – Sofferta, meritata, bellissima. E’ stata questa la vittoria della Nazionale Femminile in casa della Slovacchia, primo importante passo verso la qualificazione a EuroBasket donne 2023 che si giocherà in Slovenia e Israele. Le Azzurre hanno recuperato da -13 negli ultimi dieci minuti e si sono imposte grazie a un finale di gara straordinario (26-10 il parziale dell’ultimo quarto).

La miglior marcatrice della partita è stata Nicole Romeo con 19 punti, in doppia cifra anche Cecilia Zandalasini (17) e Martina Bestagno (16). Esordio in Nazionale Senior per Costanza Verona, Beatrice Barberis e Sara Crudo: da domani si riaggregano al gruppo Matilde Villa e Mariella Santucci.

Così Lino Lardo a fine partita: “Questa Nazionale ha dimostrato di avere anima e cuore, c’erano tante facce nuove, diverse esordienti e con pochi giorni di allenamento era impossibile giocare una bella pallacanestro. Abbiamo accusato un passaggio a vuoto nel terzo quarto ma poi l’abbiamo vinta in difesa: nel secondo quarto abbiamo concesso 7 punti e nell’ultimo 10. E’ un successo pesante in termini di autostima delle ragazze e per la fiducia in vista dei prossimi impegni. Prendiamoci questa vittoria ma rimaniamo con i piedi saldati per terra per la partita di domenica col Lussemburgo”.

Lo staff tecnico Azzurro ha scelto Carangelo, Attura, Zandalasini, Madera e Bestagno per il quintetto iniziale e l’Italia è partita col piede giusto, grazie ai punti di Bestagno e Zandalasini (9-4). La Slovacchia ha reagito con le triple di Jacubcova e Balintova fino al 12-18, dall’arco sono state Romeo e l’esordiente Verona a propiziare il pareggio. A fil di sirena del primo quarto la tripla di Hruscakova a fissare il 26-23.

Nel secondo quarto le percentuali dall’arco della Slovacchia sono scese (4/8 nei primi 10’) ma le Azzurre hanno continuato a soffrire a rimbalzo, poi sul 23-29 è arrivato il 10-0 di parziale ispirato da Romeo con tre triple consecutive per il +4 Italia. Di Martiskova la penetrazione del nuovo pareggio a quota 33, punteggio sul quale si è andati all’intervallo lungo.

Nel terzo quarto è arrivata l’accelerazione della Slovacchia, che dopo la tripla di Trucco ha messo insieme il 20-3 che ci ha fatto scivolare sul -13 a fine terzo quarto (43-56): in apertura di ultimo parziale le Azzurre hanno reagito con orgoglio e trovato il 9-0 che in tre minuti ci ha rimesso in partita (52-56) a 5’ dalla fine. Il gioco da tre punti di Prazenicova ha fatto respirare la Slovacchia (54-61), i due liberi di Zandalasini ci hanno riportato a un solo possesso (60-65) e poi la tripla di Romeo ci ha tenuto in vita (65-63) a 24 secondi dalla sirena: Balintova non è stata perfetta dalla lunetta (63-66), Romeo sì a 17” (65-66) e poi la palla rubata di Zandalasini ci ha riportato avanti (67-66 a 14”). La Slovacchia ha provato con Dudasova dall’arco ma sull’errore le Azzurre hanno recuperato il rimbalzo e poi l’ha chiusa Romeo dalla lunetta.

Slovacchia-Italia 66-69 (26-23; 7-10; 23-10; 10-26)

Slovacchia: Jacubcova* 9 (2/7, 1/1), Remenarova 2 (1/1, 1/2), Rusinakova ne, Martiskova 2 (1/1, 0/1), Lukacovicova ne, Hruscakova 14 (2/5, 3/4), Oroszova* 4 (2/4, 0/5), Prazenicova* 11 (2/5, 1/5), Moravcikova (0/1), Belusova ne, Balintova* 16 (3/8, 1/5), Dudasova* 8 (1/3, 2/7). All. Suja

Italia: Keys 5 (2/6, 0/2), Romeo 19 (5/7 da 3), Bestagno* 16 (3/6, 2/4), Carangelo* 3 (1/3 da 3), Tagliamento (0/1 da 3), Verona 4 (1/2, 0/2), Zandalasini* 17 (6/9, 0/7), Trucco 3 (1/1 da 3), Barberis (0/1 da 3), Madera* 1 (0/1 da 3), Attura* 1 (0/2, 0/1), Crudo (0/1, 0/1). All. All. Lardo

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta