Secondo successo per le Azzurre nell’ambito delle qualificazioni a EuroBasket donne 2023 che si giocherà in Slovenia e Israele.

Dopo il successo ottenuto in casa della Slovacchia giovedì scorso, la squadra allenata da Lino Lardo ha superato il Lussemburgo a Faenza (82-48) e ora è capolista solitaria del girone H. Nell’altra partita giocata oggi, la Slovacchia si è imposta in casa della Svizzera 50-65.

La miglior marcatrice del PalaCattani è stata Sara Madera, che ha così stabilito il proprio career high in Maglia Azzurra con 16 punti. In doppia cifra anche Martina Bestagno (12) e Marzia Tagliamento (11, anche per lei career high in Nazionale).

A Faenza ha esordito in Nazionale Matilde Villa, 17 anni il prossimo 9 dicembre. A bordo campo a sostenere le Azzurre c’era anche Meo Sacchetti, CT della Nazionale Maschile e in passato compagno di squadra di Lino Lardo a Torino. All’intervallo il presidente della FIP Giovanni Petrucci ha premiato con una targa Simona Ballardini, bandiera della pallacanestro faentina e quasi 100 presenze (98, 921 punti) in Maglia Azzurra.

Così coach Lardo a fine partita: “In queste partite abbiamo visto in campo tante esordienti eppure la squadra ha dimostrato grande maturità. In Slovacchia abbiamo vinto una partita importante e delicata, stasera all’inizio paradossalmente ci ha un po’ frenato la tensione di tornare a giocare davanti al pubblico. Voglio ringraziare Faenza per l’accoglienza e lo straordinario calore, era la mia prima partita in Italia sulla panchina della Nazionale ed è stata un’emozione da brividi. Gli obiettivi sono stati raggiunti: abbiamo vinto le due partite e ampliato il gruppo di giocatrici a disposizione anche per il futuro. Avanti così”.

Verona, Romeo, Zandalasini, Madera e Bestagno il quintetto scelto da coach Lardo ma già dalle prime battute il Lussemburgo si è dimostrato avversario più ostico di quanto previsto alla vigilia: le Azzurre hanno toccato la doppia cifra di vantaggio nella seconda metà del primo quarto, spinte dall’ottima vena di Madera e Romeo. All’intervallo lungo si è andati sul 40-26 e dopo un terzo quarto interlocutorio, l’Italia ha toccato il +23 a cinque minuti dalla fine, col piazzato di Tagliamento (67-44). Lardo ha ampliato le rotazioni e nel finale c’è stato spazio anche per Matilde Villa, autrice anche dei suoi primi 4 punti in Nazionale: 82-48 il punteggio finale, un +34 interessante anche in ottica qualificazione per il goal average.

Per la seconda finestra delle qualificazioni si dovranno attendere dodici mesi, perché nel prossimo febbraio si giocherà il torneo pre-Mondiale al quale le Azzurre non sono qualificate: a novembre 2022 l’Italia torna in campo per ospitare Svizzera e Slovacchia. A febbraio 2023 gli ultimi due impegni, entrambi in trasferta.

Italia-Lussemburgo 82-48 (23-14; 17-12; 18-15; 18-4)

Italia: Keys 9 (4/6), Villa 4 (2/2), Romeo 12 (1/2, 3/8), Bestagno 8 (1/2), Tagliamento 11 (3/5, 1/8), Verona 5 (2/4, 0/4), Zandalasini 6 (3/4, 0/5), Trucco 4 (2/2, 0/1), Barberis (0/1 da tre), Madera 16 (2/2, 4/4), Santucci 6 (1/2, 1/2), Crudo 1 (0/2, 0/3). All. Lardo.

Lussemburgo: Baum, Meynadier 15 (0/3,5/7), Mossong 6 (1/3, 1/12), Geniets 7 (2/6 da tre), Jablonowski 10 (4/8), Dittgen (0/1 da tre), Mreches 2 (1/4, 0/1), Muller, Wolff, Skrjelj 4 (1/4, 0/1), Bidinger (0/1 da tre), Etute 4 (2/5). All. Dziurdzia.

T2P: Ita 21/33; Lux 9/27.
T3P: Ita 9/36; Lux 8/32.
TL: Ita 13/20; Lux 6/11.
Rimbalzi: Ita 52; Lux 31.
Palle perse: Ita 16; Lux 19.
Palle recuperate: Ita 12; Lux 7.
Assist: Ita 28; Lux 13.
Falli: Ita 16; Lux 23

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta