RBS 6 Nazioni 2013: L’Italia “champagne” cerca un finale diverso

RBS 6 Nazioni 2013: L’Italia “champagne” cerca un finale diverso

6nazioniE’ iniziato, con il raduno dei 30 convocati a Roma presso il centro di preparazione olimpica “Giulio Onesti”, l’RBS 6 Nazioni 2013 dell’Italia. Tre le partite in casa quest’anno nella splendida cornice dello Stadio Olimpico di Roma, dove sono attesi più di 180.000 appassionati. E come accaduto anche lo scorso anno, durante le giornate delle partite, i tanti appassionati potranno prendere d’assalto il Terzo Tempo Village nello spazio predisposto nell’area limitrofa allo stadio. Grande attesa per i nostri azzurri, dopo i buoni risultati nei test-match di novembre dove l’Italia, sotto la guida del ct Jacques Brunel, ha finalmente espresso un gioco degno di questo nome. Cominciamo ad aprire verso i trequarti, ad attaccare la linea non solamente con il gioco degli avanti e questo ci permette di essere decisamente più imprevedibili. Al dire il vero non tutto dipende da Brunel. La storica ammissione alla partecipazione di tre anni fa, di due nostre franchigie, oggi Benetton Treviso e Zebre, al campionato della Celtic League, ha fatto si che i nostri giocatori di interesse nazionale, potessero confrontarsi in un campionato decisamente più competitivo del nostro di Eccellenza. Ci si aspetta da questo RBS 6 Nazioni, un’importante passo in avanti che dimostri che il nostro rugby si sta avvicinando a grandi passi al rugby di alto livello. Anche perché a forza di batoste, anche se condite da belle prestazioni, si rischia di ritrovarsi nuovamente al punto di partenza, come nel gioco dell’oca, ovvero con lo stadio vuoto e il pubblico scontento. L’amore di Roma e del pubblico italiano verso il rugby ha bisogno ancora di tempo per fortificarsi, ma il nostro Paese, sempre pronto a salire sul carro del vincitore (come diceva Flaiano) poco ama i perdenti di successo (Alfano in questo caso non c’entra). Guardate cosa è successo, per esempio, al nostro volley, stravolto dal boom causato dell’exploit della Nazionale a guida Velasco e poi, nel giro di qualche anno, costretto a un drastico ridimensionamento. Insomma, senza successi fino a quanto dura questa luna di miele?
Parisse e compagni, non vogliono ricoprire il ruolo di outsider e sono pronti a dare battaglia. Pertanto, attenzione all’Italia. Si comincia il 2 febbraio contro la Francia, probabilmente la squadra più in forma del momento e la candidata numero uno per il titolo del 6 Nazioni 2013.  Sarà dura ma l’Italia vuole ripetere lo storico successo del 2011. Qui di seguito i 30 convocati per le prime due giornate dell’RBS 6 Nazioni.
Marco Luzi

Piloni
Martin CASTROGIOVANNI (Leicester Tigers, 91 caps)
Lorenzo CITTADINI (Benetton Treviso, 16 caps)
Alberto DE MARCHI (Benetton Treviso, 4 caps)
Andrea LO CICERO (Racing-Metro Paris, 98 caps)
Michele RIZZO (Benetton Treviso, 5 caps)
Tallonatori
Leonardo GHIRALDINI (Benetton Treviso, 48 caps)
Davide GIAZZON (Zebre Rugby, 5 caps)
Seconde linee
Joshua FURNO (Narbonne, 6 caps)
Quintin GELDENHUYS (Zebre Rugby, 33 caps)
Francesco MINTO (Benetton Treviso, 2 caps)
Antonio PAVANELLO (Benetton Treviso, 13 caps)
Flanker/n.8
Robert BARBIERI (Benetton Treviso, 27 caps)
Paul Edward DERBYSHIRE (Benetton Treviso, 16 caps)
Simone FAVARO (Benetton Treviso, 16 caps)
Sergio PARISSE (Stade Francais, 91 caps) – capitano
Ratu Manoa Seru VOSAWAI (Benetton Treviso, 10 caps)
Alessandro ZANNI (Benetton Treviso, 69 caps)
Mediani di mischia
Tobias BOTES (Benetton Treviso, 8 caps)
Edoardo GORI (Benetton Treviso, 19 caps)
Mediani d’apertura
Kristopher BURTON (Benetton Treviso, 18 caps)
Luciano ORQUERA (Zebre Rugby, 29 caps)
Centri/Ali/Estremi
Tommaso BENVENUTI (Benetton Treviso, 23 caps)
Paolo BUSO (Zebre Rugby, 1 cap)
Gonzalo CANALE (La Rochelle, 77 caps)
Gonzalo GARCIA (Zebre Rugby, 25 caps)
Tommaso IANNONE (Benetton Treviso, 1 cap)
Andrea MASI (London Wasps, 72 caps)
Luke MCLEAN (Benetton Treviso, 41 caps)
Alberto SGARBI (Benetton Treviso, 23 caps)
Giovanbattista VENDITTI (Zebre Rugby, 9 caps)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.