Roma 2024, la reazione del presidente FGI Agabio

Il no ai Giochi Olimpici di Roma era nell’aria, ma non mi aspettavo un atteggiamento così irriguardoso nei confronti di istituzioni che stavano lavorando per portare ulteriore lustro al nostro paese

Oggi il mondo dello sport azzurro ha vissuto una delle pagine più tristi della sua storia – ha dichiarato il Presidente della Federazione Ginnastica d’Italia, il prof. Riccardo Agabio – Più per i modi che per la sostanza. Il no ai Giochi Olimpici di Roma era nell’aria, ma non mi aspettavo un atteggiamento così irriguardoso nei confronti di istituzioni che stavano lavorando per portare ulteriore lustro al nostro paese, soprattutto sotto gli occhi esterrefatti dei nostri interlocutori internazionali. Ricordo, quando ero Vice Presidente Vicario del Coni, il sofferto diniego dell’allora Presidente del Consiglio Mario Monti il quale però motivò personalmente al Presidente Petrucci le ragioni di quella rinuncia. E lo fece con lo stile e con il rispetto proprio dell’amministratore della cosa pubblica. Ecco non credo che un politico – nel senso etimologico di colui che si occupa della Polis, la città – avrebbe fatto fare ai suoi ospiti anticamera e di certo, prima di ogni altra cosa, si sarebbe complimentato con l’avv. Luca Pancalli per le medaglie vinte dai nostri atleti alle Paralimpiadi di Rio e poi avrebbe spiegato le proprie ragioni. Perché tra i valori dell’olimpismo c’è anche quel rispetto dell’avversario che dovrebbe essere il fondamento di ogni comunità civile. A nome dunque del movimento ginnastico italiano che fa di quei valori il proprio credo mi sento di esprimere la piena solidarietà al Presidente Malagò e a tutto il Comitato Promotore di Roma 2024, che stavano portando avanti una candidatura seria e probabilmente vincente”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.