Rugby Cattolica Test Match: gli azzurri superano la Georgia 28-17

L'Italia vince il secondo Cattolica Test Match autunnale contro la Georgia e la supera al 13° post del ranking internazionale.

Rugby Cattolica Test Match: gli azzurri superano la Georgia 28-17

Avevamo scritto, alla vigilia di questo match, che tra Italia e Georgia vi era in palio qualcosa di più dell’onore. La vittoria di oggi a Firenze per 28-17 ha in qualche modo allontanato lo spettro di un sorpasso nella considerazione della Six Nations Rugby Ltd. Dovevamo vincere ed anche convincere, per far capire che, a dispetto del ranking internazionale, siamo noi la sesta forza dell’emisfero boreale, almeno per quanto riguarda i dintorni europei.

I ragazzi di O’Shea hanno gettato nella mischia (sempre sofferente) coraggio e determinazione e sono arrivati con il carattere lì dove non arrivano ancora con la tecnica. I georgiani, più solidi e coriacei di noi ma sicuramente meno tecnici, hanno alzato bandiera bianca a metà del primo tempo. Meno male che un pessimo placcaggio aereo di Tsutskiridze su Sperandio non gli è costato i cartellino rosso. Eravamo solo a metà del primo tempo e la massima espulsione avrebbe gettato un dubbio sulla vittoria italiana. Invece adesso possiamo guardare alla prossima partita contro l’Australia con maggiore ottimismo: la missione è stata portata a termine e quanto di buono arriverà contro wallabies e kiwi sarà tutto da portare a casa.

Le due squadre arrivano alla gara reduci da due sconfitte: l’Italia contro l’Irlanda sabato scorso nel test giocato negli Stati Uniti, mentre i caucasici in Giappone nella sfida dello scorso Giugno; stesso avversario sconfitto dall’Italia nell’ultima vittoria. Per la gara dello Stadio Artemio Franchi – teatro del successo del 2016 contro il Sudafrica – lo staff tecnico italiano ha schierato una formazione con diversi cambi rispetto al XV sceso in campo a Chicago, coi rientri di diversi atleti tra cui il capitano di giornata: il tallonatore Leonardo Ghiraldini ora in forza allo Stade Toulousain nel massimo campionato francese. E’ subito battaglia sui punti d’incontro con gli Azzurri che ingaggiano bene e rubano una rimessa nei 22 georgiani e portandosi avanti dalla piazzola dopo 10 minuti. Rispondono subito gli ospiti che, dopo una touche ai 5 metri, trovano il varco nella difesa italiana per trovare la prima meta della sfida ed il primo vantaggio esterno al 15°. Torna subito avanti l’Italia che spinge di forza e trova la meta con Campagnaro dopo diverse fasi nei 22. La Georgia sbaglia il piazzato del pari e rimani in 14 per il placcaggio aereo di Tsutskiridze al 29°. L’Italia non sfrutta due azioni per segnare ma allunga col piazzato di Allan al 36°. La seconda meta arriva in parità numerica con Bellini che segna alla bandierina dopo la rimessa ai 5 metri fissando il parziale della prima frazione sul 18-7. Continua la supremazia Azzurra anche ad inizio ripresa; la terza meta arriva al 43° con la seconda linea Budd dopo un’altra rimessa in attacco. Ottima la difesa italiana ad arginare l’impeto avversario intorno al 50° e a rubare il possesso dopo la maul degli ospiti che accorciano al 53° col piazzato di Matiashvili da 40 metri. L’Italia risponde con la quarta meta di Allan: gli Azzurri recuperano l’ovale dopo una rimessa georgiana sulla metà campo innescando l’apertura che in velocità supera la difesa ospite per il 28-10 all’ora di gioco. La gara si riapre al 64° grazie alla meta tecnica concessa da Jackson per un placcaggio senza possesso di Benvenuti, che lascia i compagni in 14, avanti 28-17. L’indisciplina italiana da territorio ai caucasici che possono giocare due rimesse in attacco ma la difesa azzurra tiene nonostante l’inferiorità. L’inerzia della gara sorride alla Georgia frenata però da diversi errori di trasmissione e dall’ottima difesa dell’Italia. La gara si chiude così sul 28-17 con la vittoria dell’Italia che scavalca proprio la Georgia al 13° posto del ranking mondiale.

Italia Vs Georgia 28-17 (p.t. 18-7)
Marcatori: 10’ cp Allan (3-0); 16’ m Mchedlidze tr Matiashvili (3-7); 21’ m Campagnaro tr Allan (10-7); 37‘ cp Allan (13-7); 39’ m Bellini (18-7); s.t. 3’ m Budd (23-7); 13’ cp Matiashvili (23-10); 17’ m Allan (28-10); 23‘ m tecnica (28-17);
Italia: Sperandio, Benvenuti, Campagnaro, Castello (18’ s.t. Morisi), Bellini, Allan (36’ s.t. Canna), Tebaldi (32’ s.t. Palazzani); Steyn, Polledri, Negri (23’ s.t. Meyer), Budd, Zanni (22’ s.t. Fuser), Ferrari (16‘ s.t. Pasquali), Ghiraldini (cap) (32‘ s.t. Bigi), Lovotti (32‘ s.t. Traoré) All. O’Shea
Georgia: Matiashvili (36’ s.t. Malaguradze), Koshadze (1’ s.t. Kveseladze), Sharikadze (cap), Mchedlidze, Dzeneladze, Khmaladze, Lobzhanidze (18’ s.t. Aprasidze); Gorgadze, Tsutskiridze, Giorgadze (16’ s.t. Bitsadze); Lomidze, Cheishvili (26’ s.t. Sutiashvili); Kubriashvili (8’ s.t. Chilachava), Bregvadze (18’ s.t. Mamukashvili), Nariashvili (18’ s.t. Zhvania ) All. Haig
Calciatori: Allan (Italia) 3/6, Matiashvili (Georgia) 2/3
Cartellini: al 29° giallo a Tsutskiridze (Georgia), al 23’ s.t. giallo a Benvenuti (Italia)
Man of the match: Steyn (Italia)

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.