Home News Rugby Rugby, verso Italia Australia: Edoardo Padovani si unisce al gruppo

Rugby, verso Italia Australia: Edoardo Padovani si unisce al gruppo

0
Cattolicaa Test Match 2018, Firenze, Stadio Franchi, 10-11-2018, Italia v Georgia. Foto: Roberto Bregani / Fotosportit

Padova – Lo staff della Nazionale Italiana Rugby, guidato dal commissario tecnico Conor O’Shea, ha convocato Edoardo Padovani in vista del secondo Cattolica Test Match contro l’Australia in calendario sabato 17 novembre alle 15 allo Stadio “Euganeo” di Padova, match che sarà trasmesso in diretta su DMAX, canale 52 del digitale terrestre.

Padovani, estremo delle Zebre Rugby Club classe 1993 con 14 caps in Nazionale, ha disputato la sua ultima partita con l’Italrugby proprio contro l’Australia a Brisbane il 24 giugno del 2017, match che lo ha visto protagonista con una meta al minuto 63 nell’ultima partita del Tour Estivo. Dalla serata di domenica 11 novembre, il giorno seguente alla vittoria contro la Georgia per 28-17 a Firenze, l’estremo si è aggregato al gruppo Azzurro per consentire allo staff di valutare le sue condizioni fisiche ed una sua eventuale convocazione in vista dei prossimi impegni dell’Italrugby.

“E’ sempre un onore avere la possibilità di poter difendere i colori dell’Italia – ha dichiarato Padovani – e potermi allenare con i miei compagni. Fisicamente mi sento meglio e sono a completa disposizione dello staff”.

“L’Australia è una squadra che ha un bel gioco e sicuramente un avversario temibile. Dal nostro punto di vista dovremo cercare di essere solidi in difesa e cinici in attacco. Abbiamo ottenuto un buon risultato con la Georgia ma adesso la nostra testa è focalizzata totalmente sul prossimo avversario. Dal mio punto di vista sono contento di essere qui e dare il mio apporto alla squadra” ha concluso l’estremo di Italia e Zebre.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Exit mobile version