Scacchi: Grand Prix FIDE Tashkent, Caruana ancora favorito

Scacchi: Grand Prix FIDE Tashkent, Caruana ancora favorito

Gran Prix FIDE TashkentInizia oggi in Uzbekistan il torneo del Grand Prix FIDE Tashkent, valido come qualificazione al Torneo dei Candidati che eleggerà l’avversario del Campione del Mondo in carica nel 2016. Campione del Mondo che in molti pensano sarà l’attuale Magnus Carlsen il quale a sua volta se la dovrà vedere, a novembre, con Anand, già campione del mondo, spodestato lo scorso anno dallo stesso Carlsen e vincitore dell’ultimo torneo dei Candidati nella primavera di quest’anno. Uno scontro a nostro avviso non scontato, visto che il norvegese campione del mondo nell’ultima sua apparizione in un torneo ufficiale di livello (a St. Louis) non ha mostrato un gioco particolarmente ispirato. Avremo modo di tornare sullo scontro per il titolo mondiale; la concentrazione della stampa specializzata e degli appassionati adesso è sulla capitale uzbeka e, per quanto riguarda l’Italia, su quello che sarà in grado di fare Fabiano Caruana, reduce dalla vittoria nel primo Grand Prix FIDE a Baku, anche se in comproprietà con Gelfand. Proprio il torneo in Azerbaigian ha lasciato qualche dubbio sulla tenuta psicofisica del giovane talento nato a Miami. Dopo lo straripante successo nella Sinquefield Cup (con l’incredibile e storica striscia di ben 7 successi consecutivi), Fabiano era approdato al Torneo di Baku con i favori del pronostico, destinato a fare un solo boccone degli avversari. Partenza sprint anche in Azerbaigian, con la testa del torneo conquistata agevolmente e un gioco ancora ispirato. Poi, nella seconda parte del torneo il meccanismo si è inceppato. Sono arrivate 2 brutte sconfitte (dopo tre mesi di risultati positivi), e pareggi altrettanto brutti (per errori o posizioni palesemente vincenti non sfruttate). Insomma quello che appariva un “giocatore non umano” è tornato improvvisamente sulla terra. Bisogna capire, adesso, se l’atterraggio è stato particolarmente doloroso o se non ha lasciato strascichi nel gioco del n. 2 al mondo.
Rispetto al primo torneo della serie giocato Baku mancheranno Grischuk, Dominguez, Tomashevsky e Svidler, mentre ci saranno gli ultimi quattro ammessi al ‘Grand Prix’, ovvero il francese Vachier-Lagrave, l’olandese Giri, il russo Jakovenko e il georgiano Baadur Jobava (subentrato all’iraniano Ghaem Maghami in quanto la terza tappa non si giocherà più a Teheran ma a Tbilisi in Georgia). Dal punto di vista complessivo di punti Elo in campo, questo secondo appuntamento FIDE è superiore a quello di Baku, ma appare sempre alla portata dell’italo-americano, se tornerà a giocare ai livelli degli ultimi mesi. Una sua vittoria gli assicurerebbe la qualificazione al torneo dei Candidati, anche senza attendere l’esito del terzo appuntamento FIDE a cui sarà chiamato a partecipare, nel 2015.
Caruana ha pescato il numero 4 e quindi avrà 6 volte il bianco e 5 volte il nero. In questo primo turno gioca con il francese Vachier Lagrave. Inizio partite ore 11 ora italiana.
sito per seguire la manifestazione
sito per seguire i commenti in diretta in italiano: scacchierando.it

Primo turno
4. Caruana – 9. Vachier Lagrave
1. Giri – 12. Gelfand
2. Mamedyarov – 11. Andreikin
3. Nakamura – 10. Jobava
5. Kasimdzhanov – 8. Jakovenko
6. Radjabov – 7. Karjakin

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.