Scacchi, Oxford batte Cambridge nella sfida n. 136

Il bilancio dei 136 incontri finora giocati vede in vantaggio Cambridge con 59 vittorie contro le 55 di Oxford; 22 incontri sono terminati in parità.

Scacchi, Oxford batte Cambridge nella sfida n. 136

Giocata nei giorni scorsi a Londra l’annuale sfida a scacchi tra le Università di Oxford e Cambridge. Ha vinto Oxford, bissando il successo dello scorso anno, con il punteggio di 5 a 3 (4 partite vinte, 2 pari e 2 perse). E’ stato questo l’incontro numero 136 fra i due atenei.

Il bilancio dei 136 incontri finora giocati vede in vantaggio Cambridge con 59 vittorie contro le 55 di Oxford; 22 incontri sono terminati in parità.

Oxford schierava David Martins (Portogallo) Isaac Sanders (Uk) Foo Zhi (Singapore) Lisa Schut (Olanda) Gordon Scott (Uk) Joris Gerlagh (Olanda) Aleksander Monev (Bulgaria) Jamie Horton (Uk)

Cambridge schierava Conor Murphy (Irlanda) Martin Rafe (Uk) Yita Choong (Australia) Adam Scibior (Polonia) Leon Cazares (Messico) James Walsh, James Cole, Anna York-Anderssen.  L’idea di un match di scacchi tra le due antiche università nacque già nel 1853 su proposta del campione inglese Howard Staunton, ma si concretizzò solo nel 1873 a seguito dei brillanti successi dell’inglese Joseph Blackburne, il quale polarizzò l’attenzione degli appassionati britannici con una fantastica sfida contro Wilhelm Steinitz, considerato allora in pratica campione del mondo (anche se ufficialmente di ‘campionato del mondo’ si parlerà soltanto nel 1886 in occasione della sfida tra lo stesso Steinitz e Johannes Hermann Zukertort); per di più in quell’anno (1873) cadeva il quarantesimo anniversario della sfida di canottaggio tra i due atenei e si volle festeggiare l’anniversario ampliando le discipline della competizione.

La proposta di giocare  scacchi fu fatta dagli studenti di Cambridge, che all’inizio prevalsero abbastanza nettamente, come dimostrano le dieci vittorie contro quattro e un pareggio dei primi quindici incontri. Le squadre erano inizialmente composte da sei giocatori, che si affrontavano due volte, con partite di andata e ritorno. Ai primi del Novecento i giocatori furono portati a otto, ma per trovare per la prima volta delle giocatrici in squadra bisognerà attendere fino al 1978, anno in cui la sfida venne ufficialmente sponsorizzata dalla Loyds Bank.

Dal 1978, dunque, l’incontro viene disputato su otto scacchiere, sette maschili e una femminile, con una sola partita per ciascuno.

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.