Scacchi: presentato l’ACP Golden Classic, Bergamo 12_20 luglio

Scacchi: presentato l’ACP Golden Classic, Bergamo 12_20 luglio
ACP Golden Classic, Scacchi bergamo

Daniele Vocaturo sarà uno dei protagonisti dell’ACP Golden Classic

E’ stato presentato ieri, alla presenza di Danilo Minuti, assessore Sport e Tempo Libero Comune di Bergamo, e Gianpietro Pagnoncelli, presidente della Federscacchi, il prestigioso torneo internazionale “ACP Golden Classic” di scacchi, che si terrà a Bergamo dal 12 al 20 luglio prossimi. Il torneo, organizzato dalla Asd Caissa Italia in collaborazione con la Società Scacchistica Bergamo, con il patrocinio e il supporto del Comune di Bergamo, vedrà sette tra i migliori giocatori del pianeta confrontarsi in sfide aperte al pubblico. Gianvittorio Perico, responsabile del comitato organizzativo, ha presentato in questo modo il torneo: “Alla manifestazione prenderanno parte giocatori in rappresentanza di sei nazioni, inclusa l’Italia, fra i più forti al mondo. I nostri due rappresentanti hanno intenzione di farsi valere e daranno sicuramente battaglia ai campioni stranieri. Da parte nostra cercheremo di convogliare a Bergamo centinaia di appassionati: non dimentichiamo, del resto, che in città dal 2002 viene ospitato un open internazionale a cui partecipano ormai ogni anno quasi 200 giocatori, il 30% stranieri, e che tale open si svolgerà in concomitanza alle ultime tre giornate di gara dell’ACP Golden Classic“.
Effettivamente il lotto dei partecipanti è di altissimo livello. Si va dal 20enne filippino Wesley So, attuale numero 23 al mondo, vincitore nel 2013 del campionato mondiale universitario, al 27enne azero Teimour Radjabov, qualificato al torneo dei candidati al titolo mondiale nel 2011 e 2013 e per lungo tempo nella top 5 mondiale (dal novembre 2011 all’aprile 2013). Completano il quadro dei partecipanti il russo Ian Napomniachtchi – che compirà 24 anni proprio a metà luglio e nel 2010 è riuscito a essere contemporaneamente campione europeo e russo (il campionato nazionale più forte del mondo) –, l’otto volte campione ungherese Zoltan Almasi, 38 anni, il 36enne israeliano Emil Sutovsky, campione del mondo juniores 1996 e campione europeo 2001, e due italiani, il bergamasco Sabino Brunello, 25 anni, e il romano Daniele Vocaturo, di 24.
Yuri Garrett, vicepresidente Acp e direttore del Torneo, in occasione della presentazione di ieri, ha ricordato: “Siamo riusciti a coinvolgere un considerevole numero di sponsor e di appassionati. È quindi un progetto che appartiene a tutti e non a un singolo ente, club o azienda. Simili sinergie si vedono raramente in Italia: il nostro proposito e la nostra speranza sono di promuovere questa mentalità, anche per garantire un futuro a manifestazioni come questa. Gli scacchi sono una disciplina molto mediatica: è vero, non sfrutta i canali tradizionali come la televisione, ma in Internet sono ormai centinaia i siti di settore, molti dei quali trasmettono in diretta web le partite dei principali eventi. Contiamo di avere decine di migliaia di contatti ogni giorno sul sito ufficiale del torneo“.
Visibilmente soddisfatto il presidente della Federazione Scacchi GianPietro Pagnoncelli: “Sono originario della Bassa bergamasca e sono quindi doppiamente contento che l’Italia possa ospitare in questa città una manifestazione di tale livello, che da più di due anni manca nel nostro Paese. È un vanto per la Federazione scacchistica e per tutto il mondo sportivo italiano“.
A innalzare ulteriormente il valore della manifestazione, la concomitanza (dal 18 al 20 luglio) con l’ormai consueto open internazionale “Città di Bergamo”, organizzato dalla Società Scacchistica Bergamo e giunto ormai alla tredicesima edizione.
Anche qui non mancheranno i nomi illustri: favoriti d’obbligo il bulgaro Kiril Georgiev – campione mondiale junior nel 1983, già vincitore del torneo orobico nel 2012 e secondo classificato nel 2013 alle spalle di Brunello – il suo connazionale Aleksander Delchev e il serbo Ivan Ivanisevic, ai quali cercheranno di dare filo da torcere il 23enne trevigiano Danyyil Dvirnyy, campione italiano in carica, e il pesarese Axel Rombaldoni, di 22 anni (numeri 5 e 7 della graduatoria italiana).
La sede di gioco, l’Auditorium di Piazza della Libertà trasformato per l’occasione – dotato di una capienza fino a 300 persone –, dona ulteriore lustro e prestigio alla manifestazione e rappresenta una sede ideale per eventi di questo tipo: lo spettacolo è assicurato.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.