Scacchi stellari, terminata in parità la partita tra Spazio e Terra

Come 50 anni fa, anche questa partita di commemorazione tra la stazione spaziale e il grande maestro Karjakin è terminata in parità, dopo 21 mosse.

Scacchi stellari, terminata in parità la partita tra Spazio e Terra

E’ terminata in parità dopo 21 mosse la partita a scacchi per ricordare i 50 anni dalla prima partita a scacchi ‘spaziale’, giocata il 9 giugno 1970 tra Base Terra e gli astronauti della Soyouz 9. Allora gli astronauti erano in orbita, questa volta si trovavano nella Stazione Spaziale Internazionale.

Come 50 anni fa la partita è terminata in parità.

Hanno giocato gli astronauti Anatoly Ivanishin e Ivan Vagner, mentre dalla Terra giocava il Grande Maestro Sergey Karjakin, che si trovava nel  Museum of Cosmonautics, una delle principali attrazioni turistiche di Mosca.

Alla fine Sergey Karjakin ha detto che era  molto emozionato. 800 mila appassionati hanno seguito in diretta la partita

Le mosse della partita

Anatoly Ivanishin & Ivan Vagner – Sergey Karjakin (Apertura Spagnola) – 1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Ab5 a6 4.Axc6 dxc6 5.0-0 Ae6 6.b3 c5 7.Cxe5 Dd4 8.Cc4 Axc4 9.bxc4 Dxa1 10.Cc3 b5 11.Dh5 Cf6 12.Df3 b4 13.e5 0-0-0 14.Aa3 Dxf1+ 15.Rxf1 bxc3 16.exf6 cxd2 17.Da8+ Rd7 18.Dd5+ Rc8 19.Da8+ Rd7 20.Dd5+ Re8 21.De4+ Rd7  patta per scacco perpetuo

50 anni fa, il 9 giugno 1970, la prima partita ‘spaziale’ fu giocata dai due componenti l’equipaggio della ‘Soyuz 9’, gli astronauti Vitaly Sevastianov e il comandante Adrian Nikolajev (marito di Valentina Tereshkova, prima donna ad andare nello spazio), mentre, dal Centro di controllo a Terra di Baikonur, giocavano l’addetto ai controlli Viktor Gorbatko e il generale Nikolai Kamanian. La partita fu giocata il 9 giugno, giornata di riposo per i due astronauti, tra la 141a e la 144a orbita della Soyuz, durò sei ore, anche perché doveva essere interrotta ogni volta che la navetta spaziale si trovava sulla faccia non visibile della Luna e terminò pari dopo 36 mosse.

Allora fu usata una speciale scacchiera costruita da un giovane ingegnere, Mikhail Klevtsov, con i pezzi che si ‘incastravano’ nelle caselle attraverso apposite scanalature, in modo da non volar via data l’assenza di gravità. Oggi è conservata nel Museo degli Scacchi della Federazione Russa.

Questa volta gli astronauti hanno usato una scacchiera in velcro, ultra leggera per questioni di protocollo;  i pezzi, in plastica e abbastanza grandi da poter esser distinti in video, vi aderivano in modo da non svolazzare dappertutto, data l’assenza di gravità.

Scacchiera e pezzi in velcro furono utilizzati per la prima volta nella missione spaziale Expedition 17 (agosto 2008) e da allora hanno trovato ufficialmente posto sulla Stazione Spaziale. Li portò a bordo Greg Chamitoff, astronauta NASA e discreto giocatore.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.