Scacchipugilato, sport e spettacolo a Boffalora

Commenti entusiastici da parte dei partecipanti. Nella serata il Campione Mondiale Nikolay Sazhin ha conservato il titolo contro l'italiano Sergio Leveque

Scacchipugilato, sport e spettacolo a Boffalora

Pieno successo per la serata di ‘scacchipugilato’ di sabato scorso all’Hurricane di Boffalora sopra Ticino. Lo ha sintetizzato il londinese Tim Woolgar, l’organizzatore di eventi di scacchipugilato con più esperienza al mondo: “il migliore evento di chessboxing che io abbia mai visto. Il migliore per la sede scelta, il migliore per la qualità degli incontri, il migliore per la qualità degli spettacoli di contorno offerti“.

La serata ha del resto marcato in pratica un record assoluto, con la disputa per la prima volta di cinque incontri:  tre internazionali di cui uno valido per il titolo mondiale e due a livello nazionale. Il primo incontro titolato della serata è stato quello tra il bergamasco Daniele “Dada” Rota e il biellese Jacopo Di Lauro per la corona tricolore dei pesi leggeri. Un incontro che il pubblico ha poi giudicato l’incontro più emozionante dell’intera serata e che si concludeva con il successo di Daniele Rota che vinceva la partita a scacchi.

Sul ring saliva l’artista internazionale Emanuela Suanno, recentemente tornata da una tourneè a Mosca. Seguiva l’incontro tra il peso massimo folignate Gianluca Sirci e il finlandese Lars Bjorknas. La vittoria ha arriso all’italiano che anche in questo caso si imponeva a scacchi. A questo punto entravano in scena le Checkmate! un quintetto musicale interamente femminile che, assieme ai Bomber, offrivano un intermezzo musicale agli ospiti della serata. Toccava poi all’umbro Filippo Gubbini affrontare il pugliese Gianpiero Sportelli per la seconda gara con in palio il titolo Italiano. Vinceva Sportelli che dava scacco matto alla 17ª mossa.

E finalmente salivano sul ring il Campione Europeo Sergio Leveque e il Campione Mondiale Nikolay Sazhin, che metteva in palio il titolo contro  l’italiano. Questa volta l’incontro non  si risolve con la partita a scacchi: Sazhin infatti riesce a trovare il bersaglio con un destro al corpo che l’italiano accusa, poi il russo scarica un sinistro-destro che, entrambi a segno, spediscono al tappeto Leveque. L’arbitro inizia il conteggio ma, quasi immediatamente, decide d’interrompere l’incontro.

Viene proclamato il verdetto e Sazhin si conferma Campione del Mondo dei pesi massimi. A bordo ring il presidente della WCBO Iepe Rubing e il presidente della London Chessboxing Tim Woolgar applaudono i due contendenti e commentano sull’alta qualità dello spettacolo offerto da questi due atleti e quelli che gli hanno preceduti nel corso della serata.

L’essere riusciti ad organizzare questa serata è stata una grande soddisfazione e un successo da parte dell’organizzazione FISP” commenta Volfango Rizzi, presidente della FISP e principale motore organizzativo dell’evento. Gli fa eco un soddisfatto Giuseppe Dimasi, principale sponsor.

Ma la serata non è ancora terminata: tornano agli strumenti le Checkmate! per accompagnare con la musica il pubblico che si sofferma in sala ad applaudirle.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.