Sei Nazioni 2017, Inghilterra Italia… “io speriamo che me la cavo”!

L'incontro sarà trasmesso in diretta da DMAX canale 52 ed in streaming su DPlay alle ore 16, con collegamento in diretta a partire dalle 15.20.

Sei Nazioni 2017, Inghilterra Italia… “io speriamo che me la cavo”!

Eddie Jones ha sciolto le ultime riserve e così sono definiti i 30 giocatori che scenderanno in campo per il terzo turno del Sei Nazioni 2017 a Twickenham. O’Shea, infatti, aveva rinunciato a qualsiasi forma di pretattica e indicati i titolari già l’altro ieri.

Per quanto riguarda gli attuali leader del Sei Nazioni e numero 2 del ranking internazionale, quattro i cambi rispetto alla partita contro il Galles: nella trequarti tornano Ben Te’o, in mediana Danny Care e Jonny May ala destra. James Haskell flanker. “Ci siamo preparati bene per questa partita e siamo pronti per l’Italia”, ha detto coach Jones. Inutile nascondersi: per i leader del Torneo si tratta del turno più facile, quello che potrebbe permettergli di scavare un break sulla concorrenza, visto che l’Irlanda (l’avversario sicuramente più accreditato) se la dovrà vedere con la Francia in un match che annuncia scintille.

Da parte nostra le dichiarazioni prepartita sono tutte improntate al “.. sono forti ma venderemo cara la pelle”. Fuori dai denti, però, vale la pena leggere la cosa del tipo “io speriamo che me la cavo”, evitando un bagno di sangue (atteso) che in questo momento ci metterebbe definitivamente al tappeto. Si fanno, infatti, sempre più forti gli echi legati ad una estromissione dell’Italia dal Torneo più antico del mondo a favore di Georgia o Ungheria… Vedremo.

Conor O’Shea, come detto, aveva ufficializzato la formazione già mercoledì. Quattro i cambi apportati rispetto alla formazione sconfitta in casa a Roma dall’Irlanda l’11 febbraio scorso. Tra gli avanti, O’Shea conferma sette ottavi del pack schierato a Roma nel secondo turno, con Steyn che rientra dal primo minuto al posto di Mbandà in terza linea, mentre le altre novità riguardano la mediana e la linea arretrata: in cabina di regia, confermato Edoardo Gori, la maglia numero dieci di apertura va per la gara di Twickenham a Tommaso Allan, la cui ultima partenza dal primo minuto in Nazionale risale al test vinto a giugno a Toronto contro il Canada. All’ala rientra Bisegni al posto di Esposito, mentre tra i centri, in coppia con McLean, O’Shea schiera dal primo minuto Michele Campagnaro, partito dalla panchina nelle prime due giornate.

Per gli amanti delle statistiche, l’Inghilterra è una delle tre nazionali (oltre a Nuova Zelanda e Australia) che non abbiamo mai battuto. Ci  andammo vicino in una fredda giornata di febbraio del 2012, in una Roma imbiancata dalla neve, quando perdemmo di soli 4 punti (19 a 15) che rappresenta ancora il minor scarto. Da allora, però, di strada (verso l’alto per loro e il basso per noi) ne è stata fatta. Si scommette solo sull’entità dello scarto.

L’incontro sarà trasmesso in diretta da DMAX canale 52 ed in streaming su DPlay alle ore 16, con collegamento in diretta a partire dalle 15.20 e telecronaca, come sempre, a cura di Antonio Raimondi e Vittorio Munari.

Italia
15 Edoardo PADOVANI (Zebre Rugby, 8 caps)*
14 Giulio BISEGNI (Zebre Rugby, 6 caps)
13 Michele CAMPAGNARO (Exeter Chiefs, 27 caps)*
12 Luke MCLEAN (Benetton Treviso, 86 caps)
11 Giovanbattista VENDITTI (Zebre Rugby, 40 caps)*
10 Tommaso ALLAN (Benetton Treviso, 29 caps)
9 Edoardo GORI (Benetton Treviso, 58 caps)*
8 Sergio PARISSE (Stade Francais, 123 caps) – capitano
7 Simone FAVARO (Glasgow Warriors, 34 caps)*
6 Abraham STEYN (Benetton Treviso, 8 caps)
5 Andries VAN SCHALKWYK (Zebre Rugby, 9 caps)
4 Marco FUSER (Benetton Treviso, 18 caps)*
3 Lorenzo CITTADINI (Aviron Bayonnais, 55 caps)
2 Leonardo GHIRALDINI (Stade Toulousain, 84 caps)
1 Andrea LOVOTTI (Zebre Rugby, 11 caps)*

a disposizione
16 Ornel GEGA (Benetton Treviso, 10 caps)
17 Michele RIZZO (Leicester Tigers, 22 caps)
18 Pietro CECCARELLI (Zebre Rugby, 6 caps)
19 George BIAGI (Zebre Rugby, 16 caps)
20 Maxime Mata MBANDA’ (Zebre Rugby, 5 caps)*
21 Giorgio BRONZINI (Benetton Treviso, 5 caps)
22 Carlo CANNA (Zebre Rugby, 17 caps)
23 Tommaso BENVENUTI (Benetton Treviso, 39 caps)*

*è/è stato membro dell’Accademia FIR “Ivan Francescato”

Inghilterra
15. Mike Brown (vice captain, Harlequins, 57 caps)
14. Jonny May (Gloucester Rugby, 24 caps)
13. Ben Te’o (Worcester Warriors, 5 caps)
12. Owen Farrell (vice captain, Saracens, 49 caps)
11. Elliot Daly (Wasps, 10 caps)
10. George Ford (Bath Rugby, 32 caps)
9. Danny Care (Harlequins, 68 caps)
1. Joe Marler (Harlequins, 48 caps)
2. Dylan Hartley (captain, Northampton Saints, 81 caps)
3. Dan Cole (Leicester Tigers, 71 caps)
4. Joe Launchbury (Wasps, 39 caps)
5. Courtney Lawes (Northampton Saints, 55 caps)
6. Maro Itoje (Saracens, 9 caps)
7. James Haskell (Wasps, 72 caps)
8. Nathan Hughes (Wasps, 5 caps)

A disposizione
16. Jamie George (Saracens, 14 caps)
17. Mako Vunipola (Saracens, 39 caps)
18. Kyle Sinckler (Harlequins, 5 caps)
19. Tom Wood (Northampton Saints, 47 caps)
20. Jack Clifford (Harlequins, 9 caps)
21. Ben Youngs (Leicester Tigers, 67 caps)
22. Henry Slade (Exeter Chiefs, 4 caps)
23. Jack Nowell  (Exeter Chiefs, 20 caps)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.