Sei Nazioni 2019, contro l’Irlanda senza capitan Parisse

Il secondo giorno di raduno della Nazionale in vista della partita contro l'Irlanda parlano Sebastian Negri e Ciccio De Carli, ma la notizia del giorno è il forfait del capitano.

Sei Nazioni 2019, contro l’Irlanda senza capitan Parisse

Roma – Parla l’esordiente Sebastian Negri, nel secondo giorno di lavoro per la Nazionale di Rugby in vista del 3° match del Sei Nazioni 2019 contro l’Irlanda: “Dobbiamo focalizzarci su tutto quello che possiamo controllare. Sappiamo che contro il Galles ci sono cose che hanno funzionato e altre meno, ma il risultato finale non ci sorride: dobbiamo continuare a lavorare e cercare di sfruttare al meglio tutte le occasioni che ci capitano, limitando al minimo i nostri errori”.

“L’Irlanda è la squadra numero due al mondo, potrebbe bastare questo per descrivere l’avversario del prossimo turno. Noi non guardiamo alla posizione del ranking ma ad ogni singola sfida concentrandoci su noi stessi” ha concluso la terza linea dell’Italia e del Benetton Rugby.

Come consueto la parola il martedì è per l’allenatore degli avanti, Giampiero De Carli: “La riscossa nel finale contro la Scozia e aver riaperto la partita contro il Galles, sono sintomi che la squadra non si arrende mai. E’ chiaro che ci sono degli atteggiamenti che vanno cambiati: ad esempio i nostri errori che a volte compromettono l’andamento della partite”.

E’ di oggi, intanto la notizia dell’assenza sicura domenica di capitan Parisse, fermato per i postumi di una botta nello scorso fine settimana con lo Stade de France. “L’assenza di Sergio? – dice De Carli -. E’ chiaro che perdiamo uno dei numeri 8 più forti al mondo, ma abbiamo giocatori che sono all’altezza della situazione che potranno dare il proprio apporto alla squadra. L’Irlanda la conosciamo bene, l’abbiamo affrontata l’ultima volta a Chicago nel primo test match di Novembre: è una squadra contro cui sarà fondamentale sfruttare al meglio le occasioni a nostro favore”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.