Sei Nazioni 2020 – L’Italia per la partita contro l’Inghilterra

Due i cambi tra i 23 giocatori a lista gara rispetto a sabato scorso. Tornano a vestire la maglia numero 15 Matteo Minozzi e Mattia Bellini.

Sei Nazioni 2020 – L’Italia per la partita contro l’Inghilterra

“In Irlanda si sono visti sprazzi del nostro gioco e qualcosa di positivo, ma siamo consapevoli che abbiamo tanto lavoro davanti a noi. Siamo una squadra giovane e che ha voglia di emergere. Proseguiamo nella nostra strada per costruire una identità precisa” ha dichiarato Smith nel presentare il XV che domani scenderà in campo contro l’Inghilterra nell’ultimo turno del Sei Nazioni 2020.

Ci sembra che nel giro di pochi giorni la narrazione sia completamente cambiata. Solo domenica scorsa, dopo la sconfitta contro l’Irlanda, lo stesso Smith aveva ammesso le pessime performance della squadra. Oggi, invece, si parla di “gioco a sprazzi”. Come dire che qualcosa di buono sabato scorso c’è stato. Non ci sembra proprio!

Così come la conferma di Garbisi in apertura con la sottolineatura, da parte del tecnico azzurro, che ha marcato 12 punti, rappresenti il totale stravolgimento della realtà. Il giovane 10 azzurro è stato uno dei peggiori, naufragato nell’inconsistenza generale ed incapace di dare ordine alla manovra. Riconfermarlo ci appare come evidente volontà di sostenere un giocatore che a nostro avviso ancora non è pronto per questi livelli.

Due i cambi tra i 23 giocatori a lista gara rispetto a sabato scorso. Tornano a vestire la maglia numero 15 Matteo Minozzi – reduce dalla finale di Premiership con gli Wasps – che andrà a comporre il triangolo allargato con Edoardo Padovani – al rientro in azzurro con meta a Dublino nella trasferta di sabato scorso contro l’Irlanda – e Mattia Bellini. Al centro confermata la coppia Canna-Morisi – alla quinta volta consecutiva da titolare.

Terza linea con Polledri, Steyn – che ha toccato quota 40 caps in azzurro nella scorsa partita – e Sebastian Negri. Quinta presenza da titolare in questo Sei Nazioni per Niccolò Cannone che sarà affiancato da Marco Lazzaroni. Prima linea di marchio Zebre con Zilocchi, capitan Bigi e Fischetti.

“Siamo consapevoli che per noi questo è un nuovo inizio – ha dichiarato Franco Smith nella conferenza stampa alla vigilia del match – e gli obiettivi sono tanti. Innanzitutto quello di identificare quali sono i giocatori che possano portare avanti la bandiera dell’Italia. Vogliamo creare un DNA specifico con un’alta etica del lavoro: piano piano bisogna costruire tutto, ci sono dei processi che vanno seguiti”.

“Abbiamo lavorato tanto in vista della partita di domani. Dobbiamo affrontare l’Inghilterra seguendo il nostro gioco. Vogliamo cercare di essere sempre più competitivi: questo è un fattore che passa anche da partite di questo livello”.

“L’età media della rosa a disposizione è di poco più di 24 anni. In più ci siamo trovati a lavorare a distanza per mesi con una pandemia in atto che ha limitato quelli che erano i programmi iniziali. Non sono scuse ma dati di fatto. Il livello internazionale richiede una grande intensità e noi stiamo lavorando per essere sempre più performanti” ha concluso il capo allenatore azzurro.

Jules Elysard

Questa la formazione che scenderà in campo:
15 Matteo MINOZZI (London Wasps, 19 caps)
14 Edoardo PADOVANI (Benetton Rugby, 24 caps)
13 Luca MORISI (Benetton Rugby, 33 caps)
12 Carlo CANNA (Zebre Rugby Club, 27 caps)
11 Mattia BELLINI (Zebre Rugby Club, 26 caps)
10 Paolo GARBISI (Benetton Rugby, 1 cap)
9 Marcello VIOLI (Zebre Rugby Club, 16 caps)
8 Jake POLLEDRI (Gloucester Rugby, 17 caps)
7 Braam STEYN (Benetton Rugby, 40 caps)
6 Sebastian NEGRI (Benetton Rugby, 26 caps)
5 Niccolò CANNONE (Benetton Rugby, 4 caps)
4 Marco LAZZARONI (Benetton Rugby, 7 caps)
3 Giosuè ZILOCCHI (Zebre Rugby Club, 6 caps)
2 Luca BIGI (Zebre Rugby Club, 28 caps) – capitano
1 Danilo FISCHETTI (Zebre Rugby Club, 4 caps)
A disposizione
16 Gianmarco LUCCHESI (Benetton Rugby, 1 cap)
17 Simone FERRARI (Benetton Rugby, 30 caps)
18 Pietro CECCARELLI (Brive, 10 caps)
19 David SISI (Zebre Rugby Club, 10 caps)
20 Johan MEYER (Zebre Rugby Club 5 caps)
21 Maxime MBANDA’ (Zebre Rugby Club, 21 caps)
22 Guglielmo PALAZZANI (Zebre Rugby Club, 39 caps)
23 Federico MORI (Kawasaki Robot Calvisano, 1 cap)

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.