Sei Nazioni 2020 – Presentazione della terza giornata e come seguirlo

Torna il Sei Nazioni. Il Torneo più antico del mondo si appresta a vivere il terzo turno, in programma sabato con gli scontri tra Italia e Scozia, Galles - Francia e Inghilterra - Irlanda

Sei Nazioni 2020 – Presentazione della terza giornata e come seguirlo

Torna il Sei Nazioni 2020. Il Torneo più antico del mondo si appresta a vivere il terzo turno, in programma sabato con gli scontri Italia v Scozia, Galles v Francia e Inghilterra v Irlanda. Ecco la situazione generale alla vigilia del terzo turno e come seguirlo al meglio.

Italia v Scozia – Siamo al momento decisivo per la Nazionale di Franco Smith. La partita contro i “gonnellati” appare l’unica occasione per rompere un digiuno di successi che ci trasciniamo ormai dal 2015. Non sarà facile, perché la Scozia vista perdere contro l’Irlanda e l’Inghilterra non appare una squadra morbida. Anzi. Dopo due sconfitte i ragazzi di Townsend faranno di tutto per muovere la classifica e risalire il ranking internazionale che attualmente li vede al nono posto.

La partita inizierà alle 15.15 e sarà visibile in diretta tv in chiaro sul digitale terrestre sul canale 52 DMAX (con collegamento dallo stadio dalle ore 15). In streaming web, invece, il match sarà visibile gratuitamente sulla piattaforma DPlay. Per quanti (e ci risultano essere tanti) che non vogliono seguire la diretta in italiano, possono seguirla su IPlayerBBC, dove trasmettono anche tutte le partite del Sei nazioni femminile e Under 20. Ricordiamo che per poter vedere i siti inglesi e francesi, nonostante la geolocalizzazione, consigliamo, per tutto il Sei Nazioni, di munirsi di un vpn (qui con sconto del 30% se da questo link con abbonamento annuale, ma sono possibili anche pacchetti mensili).

Galles v Francia (ore 17,45) – Premesso che nessun incontro di questo Sei Nazioni, anche alla luce di quanto visto nei primi due turni, appare scontato, quello che si gioca subito dopo Italia Scozia è certamente tra i più incerti. Il Galles contro l’Irlanda ha perso l’imbattibilità nel Sei Nazioni che durava da due anni (febbraio 2018) e che gli aveva permesso di portare a casa lo Slam nel 2019. Quindi i giocatori del neo coach Wayne Pivac si trovano a giocare un Torneo in salita. La vittoria, facile per come è maturata, contro l’Italia non fa testo. Al primo scoglio vero la formazione gallese si è schiantata contro un muro. Contro la Francia si gioca l’ultima possibilità di portare tornare in corsa, sperando nel contemporaneo inciampo dell’Irlanda sul campo dell’Inghilterra.

Di fronte si troveranno il gruppo di Fabien Galthie (anche lui all’esordio nel Sei Nazioni come allenatore) che invece può godere del vento in poppa. Attualmente i galletti sono in testa con due vittorie all’attivo. La prima, contro l’Inghilterra, veramente pesante, per certi versi inattesa. La Francia è al momento la squadra rivelazione di questo Sei Nazioni. Ha scelto di gettare nella mischia i “giovani leoni” vincitori di diversi mondiali tra gli U20 e si presenta come una delle novità più interessanti del panorama internazionale. La partita contro il Galles ha il valore di una laurea. Il coefficiente di difficoltà è molto alto: fuori casa e contro un gruppo, quello capitanato da Alun Wyn Jones, che avrà voglia di riscatto. Se la Francia dovesse passare indenne anche a Cardiff potrebbe diventare la favorita principale per il successo. Gli altri due turni, infatti, gli riservano la Scozia fuori casa e l’Irlanda, in quello che potrebbe essere lo spareggio per la vittoria, allo Stade de France.

Dove seguirla: se giochiamo con un po’ di fantasia e non ci appiattiamo sulla telecronaca di DMax, possiamo provare la tv in lingua gallese S4C (qui) oppure il canale francese France.tv (qui).

Inghilterra v Irlanda (domenica 23 ore 16,00) – Spettacolo assicurato. Non solo perché si trovano di fronte la terza e quarta del ranking internazionale (le prime due del nostro emisfero). Soprattutto perché in palio c’è, più che mai in questo incontro, il destino del Guinness 6 Nazioni 2020.

L’Inghilterra ha perso, meritatamente ma in modo inaspettato, l’esordio contro la Francia, collezionando anche la seconda sconfitta consecutiva dopo la finale di Coppa del Mondo contro il Sud Africa. Una sconfitta che ha lasciato delle scorie nella testa e nelle gambe dei ragazzi di Eddie Jones, visto come hanno reagito contro la Scozia. Il successo di Murrayfield (che comunque resta un campo veramente ostico, soprattutto per gli Inglesi) non ha mostrato una squadra in salute. Contro l’Irlanda bisognerà che Owen Farrell e compagni tornino a giocare come nei giorni migliori. Per intenderci, come fecero contro la Nuova Zelanda nella semifinale di Coppa del Mondo in quella che forse resta la più bella partita della gestione Jones.

A Twickenham sbarca un Irlanda per certi versi ancora indecifrabile. Il nuovo coach Andy Farrell ha collezionato nei primi due turni altrettanti successi, ma non sono state delle passeggiate ed entrambi giunti tra le mura amiche. Contro la Scozia è stata una partita dura che alla fine ha premiato la formazione di casa più per una maggiore attitudine a giocare a certi livelli che per una reale differenza di valori. Il successo contro il Galles ha sicuramente alzato le percentuali di vittoria dell’Irlanda riguardo al Torneo ma la strada è ancora lunga. Perdere domenica avrebbe il doppio significato di uno stop e al contempo di far tornare in gioco gli avversari di sempre, ovvero l’Inghilterra. Vincere, invece, non assicura ancora nulla, perché poi bisognerà volare, nell’ultimo turno a Parigi.

Dove vederla – Non ci sono alternativa al commento inglese su IPlayerBBC (vedi link in alto).

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.