Sei Nazioni femminile, Di Giandomenico: “Inghilterra squadra favorita”

“L’estremo è il ruolo in cui sono cresciuta come atleta – ha dichiarato Manuela Furlan, capitano dell’Italdonne – ma in pochi forse sanno che il mio ruolo preferito e quello dell’ala."

0

Parma – Un sole timido e una temperatura primaverile accompagneranno la Nazionale Italiana Femminile durante l’odierno Captain’s Run, il consueto allenamento di rifinitura alla vigilia del match. Nella giornata di domani, alle 15, l’Italdonne affronterà l’Inghilterra nella partita valida per il secondo turno del Women’s Six Nations 2021 – esordio per l’Italia nel torneo – allo Stadio Lanfranchi di Parma. Diretta su Eurosport 2 e Eurosport Player con collegamento a partire dalle 14.45 e commento di Andrea Gardina e Antonio Raimondi.

“E’ sempre una emozione forte poter giocare un Sei Nazioni – ha esordito Andrea Di Giandomenico nella conferenza stampa alla vigilia del match – anche se in una formula diversa. L’Inghilterra è una squadra completa e forte in ogni reparto. E’ la squadra da battere. Siamo molto concentrati su quello che vogliamo dalla nostra prestazione e abbiamo lavorato bene per farlo”.

“Abbiamo a disposizione una rosa valida in ogni ruolo. Le scelte nella formazione sono basate sulla volontà di dare una opportunità a tutte le atlete con la sfida di mantenere alta la qualità della prestazione. Questo è un modo anche per rafforzare la consapevolezza e l’efficacia del gruppo. Sono scelte strategiche che non sono legate strettamente alla prossima partita”.

“Davanti a noi abbiamo una sfida importante. Nelle prossime tre settimane vogliamo avere una buona tenuta fisica e di brillantezza. In passato abbiamo sempre incrementato la confidenza partita dopo partita. Vogliamo offrire in ogni partita prestazioni che siano all’altezza della situazione” ha concluso Di Giandomenico.

“L’estremo è il ruolo in cui sono cresciuta come atleta – ha dichiarato Manuela Furlan, capitano dell’Italdonne – ma in pochi forse sanno che il mio ruolo preferito e quello dell’ala. La concorrenza qui è altissima e tutti devono meritare il posto da titolare. Non vedo l’ora di scendere in campo domani”

“Abbiamo la necessità di ritrovare nell’immediato i nostri meccanismi per fornire sin da domani una prestazione di alto livello. Saremo concentrate sul nostro gioco e mostrare il nostro miglior rugby”

“Il mio approccio alla partita, nonostante il cambio di ruolo, resta uguale. Quello che mi preme è mettermi sin da subito al servizio della squadra: è la cosa che conta di più. Non sento pressione per lo spostamento all’ala: è una sfida” ha concluso Furlan.

Italia v Inghilterra

Italia: Ostuni Minuzzi; Muzzo, Sillari, Magatti, Furlan (cap); Madia, Barattin; Giordano, Franco, Arrighetti; Duca, Fedrighi; Gai, Cammarano, Skofca

A disposizione: Bettoni, Maris, Tounesi, Locatelli, Veronese, Rigoni, Stefan, D’incà

All. Di Giandomenico

Inghilterra: Kildunne; Breach, Scarratt, Jones, Dow; Rowland, Riley; Hunter (cap.), Fleetwood, Matthews; O’Donnell, Aldcroft; Brown, Cokayne, Cornborough

A disposizione: Davies, Botterman, Cleall, Millar-Mills, Cleall, MacDonald, Harrison, McKenna

All. Middletone

Avatar
Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta