Dublino – E’ l’Irlanda a conquistare il terzo posto nel Sei Nazioni Femminile 2021, superando per 25-5 al Donnybrook Park di Dublino l’Italia allenata da Andrea Di Giandomenico nel play-off che conclude il Torneo di categoria.

Le Azzurre chiudono così al quarto posto, confermando il piazzamento del 2020, al termine di ottanta minuti in cui Furlan e compagne non riescono a garantire la stessa efficacia e precisione mostrate la settimana passata a Glasgow contro la Scozia.

“L’Irlanda ha mostrato maggiore determinazione, noi abbiamo pagato i tanti errori commessi nella gestione della partita – ha detto Manuela Furlan -. Nel secondo tempo abbiamo evidenziato dei progressi in rapporto alla prima frazione di gioco, ci sono molti aspetti positivi del rugby espresso nella ripresa. Ripartiamo da quanto di buono abbiamo espresso e dal quarto posto con cui chiudiamo questo Torneo.

Abbiamo commesso errori che normalmente non fanno parte delle nostre prestazioni ed è difficile rimontare un avversario come l’Irlanda se lo si lascia allungare troppo nel punteggio. Siamo rimaste sorprese dalla loro partenza, ci hanno messo da subito sotto grossa pressione e non siamo state capaci di reagire immediatamente. Nel secondo tempo abbiamo provato maggiormente a usare il piede per uscire dalla pressione, resta il rammarico per non essere riuscite ad esprimere maggiormente come fatto nelle prime due partite” ha concluso Furlan.

Il capo allenatore azzurro Andrea Di Giandomenico analizza: “Ci è mancata forse un poco di esperienza, soprattutto in fase offensiva, ed in generale un maggiore equilibrio nel nostro gioco. Avremmo dovuto rimanere maggiormente sul piede avanzante per sfruttare al meglio la nostra capacità di giocare con efficacia ed in velocità negli spazi. Ovviamente non siamo contenti della prestazione, l’Irlanda ha vinto la guerra sotto il punto di vista del combattimento. Questo ci ha impedito avanzamento e di dare ritmo al gioco, le nostre avversarie hanno vinto battaglia territoriale e dominato sui punti d’incontro.

Specialmente nel primo tempo abbiamo subito la mancanza di possessi di qualità in particolare da rimessa laterale, nella ripresa abbiamo migliorato sotto questo punto di vista ma troppa imprecisione ci ha impedito di sviluppare nostro gioco. Pieno credito all’Irlanda per la vittoria, mi prendo la responsabilità per la non prestazione della nostra squadra. 

Complessivamente abbiamo vissuto tre settimane di raduno e di lavoro molto positive, le ragazze hanno lavorato nel migliore dei modi e mi dispiace non essere riuscito a metterle nelle condizioni di disputare al meglio la gara contro le irlandesi. Centrale è stato il combattimento, da cui in questo sport non si può prescindere. Ed è un dato di fatto che oggi sotto questo punto di vista siamo state inferiori”.

Dublino, Energia Park – sabato 24 aprile
Women’s Six Nations 2021, Finale III posto
Irlanda v Italia 25-5
Marcatrici: p.t. 9’ m. Wall (5-0); 29’ cp. Flood (8-0); s.t. 4’ m. Murphy-Crowe tr. Flood (15-0); 11’ m. Moloney (20-0); 28’ m. Bettoni (20-5); 43’ m. Murphy-Crowe (25-5)
Irlanda: Considine (39’ st. Higgins); Murphy-Crowe, Higgins (23’ st. Breen), Naoupu, Parsons (20’ st. Tyrrell); Flood, Dane (23’ st. Lane); Griffin (cap., 13’ pt. O’Connor), Hogan, Wall; Fryday, McDermott (23’ st. Moore); Djougang (24’ st. Lyons), Moloney (24’ st. Jones), Peat (24’ st. Feely)
All. Griggs
Italia: Ostuni Minuzzi (32’ st. Muzzo); Furlan (cap.), Sillari, Rigoni, Magatti; Madia, Barattin (8’ st. Stefan); Giordano, Sgorbini (32’ st. Cammarano), Arrighetti; Duca, Fedrighi (24’ st. Tounesi); Gai, Bettoni, Skofca (24’ st. Maris)
All. Di Giandomenico
Arb. Cox (RFU)
Cartellini: 20’ p.t. giallo Naoupu (Irlanda)
Calciatrici: Flood (Irlanda) 2/5; Sillari (Italia) 0/1
Player of the Match: Flood (Irlanda)

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta