Sei Nazioni: la “prova del nove”

Sei Nazioni: la “prova del nove”

Jamie Roberts and Alberto De Marchi at the end of the game 1/2/2014E ora la prova del nove. Come nelle esercitazioni scolastiche di aritmetica, anche il Sei Nazioni va incontro alla prova dei fatti, una verifica necessaria per valutare le forze in campo dopo un esordio scoppiettante per qualcuno e un po’ più impiegatizio per qualcun altro. Come già scritto altrove, in Galles l’Italia di Brunel non è andata a impersonare il ruolo dello “sparring partner” e Warren Gatland, allenatore dei dragoni, deve essersene accorto come del resto anche la stampa gallese. Ecco, potremmo dire che proprio i gallesi – i campioni uscenti – non hanno dato prova del loro leggendario e inossidabile valore, quel “quid” sempre mostrato sul terreno di casa e contro ogni formazione. In effetti gli avvii del Galles sono sempre scarsamente indicativi: basti pensare al 30 a 22 rimediato lo scorso anno in casa per mano dell’Irlanda nella prima giornata del torneo. Sulla strada del Galles, che insieme alla Francia resta la formazione favorita alla vittoria del 6 Nations, ci sarà proprio la cara, “vecchia” Irlanda, un formazione che in casa, contro la Scozia, ha fatto un compitino striminzito giusto per arrivare al risultato utile, nonostante lo score a fine incontro. Gli irlandesi del Sig. Brian O’ Driscol sono tutti “attempati” giocatori, ma dalla loro avranno il calore del pubblico in verde. Per quel che riguarda i bookmaker Irlanda favorita a 1,77, contro il 2,15 in favore degli ospiti. Visto l’equilibrio l’ipotesi di un pari scappa fuori: la “X” si gioca a 20,00 volte la posta.
Altra prova casalinga, intanto, per la Francia, che dopo la rocambolesca e spettacolare vittoria sull’Inghilterra, si appresta a disputare il “Trofeo Garibaldi” contro l’Italia di Jacques Brunel. Il pensiero italiano corre alla scorsa edizione del Six Nations, quando l’Olimpico esplose letteralmente alla vittoria azzurra contro i transalpini: ma come dicono dalle parti di Roma “non è sempre festa”. Quindi domenica allo Stade de France i coqs si riprenderanno il “Garibaldi” forse con qualche interesse: all’Italia basterebbe giocare un match al pari di quello disputato in Galles per essere soddisfatta. Galletti stra-favoriti dai bookie a 1,03, azzurri a 16,00 (pareggio a 60,00) Un’Inghilterra delusa e amareggiata per il risultato contro gli uomini di Saint-Andrè cerca la rivalsa (per altro ci pare abbastanza facile) in casa della Scozia. Gli uomini in blu non hanno certo brillato a Dublino ed è facile pensare a una formazione inglese carica come un mortaio contro-carro da “106”. Inglesi vittoriosi a 1,20, scozzesi a 6,00.
Alessandro Cini

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.