Il Campionato Sei Nazioni U20 2021 si giocherà quest’estate tra il 19 giugno e il 13 luglio a Cardiff.

La decisione è stata presa per ridurre i rischi legati ai viaggi, per garantire periodi di riposo maggiori e allenamenti strutturati e quindi soddisfare molte delle opportunità di performance perse negli ultimi tempi.

Le squadre saranno composte da 26 giocatori, a causa del formato condensato della competizione, e tutte e cinque le giornate saranno caratterizzate da tre partite giocate consecutivamente.

Ogni partita sarà trasmessa su TV terrestre, piattaforme di streaming di emittenti o tramite i canali digitali del Sei Nazioni.

La Scozia e l’Irlanda inizieranno il 19 giugno, seguite da Inghilterra-Francia e Galles-Italia, sempre lo stesso giorno. L’edizione 2021 si concluderà il 13 luglio con Inghilterra-Italia, Irlanda-Francia e Scozia-Galles.

Ricordiamo che lo scorso anno non vi è stato nessun vincitore. L’Irlanda campione del 2019 si era assicurata la Triple Crown grazie alle vittorie su Scozia, Galles e Inghilterra ed era in lizza per il ripetersi del Grande Slam. Ogni altra squadra aveva vinto almeno una volta prima che il campionato del 2020 fosse interrotto a causa della pandemia .

Commentando l’annuncio, il CEO del Sei Nazioni, Ben Morel, ha dichiarato: “Siamo felici di poter giocare il Campionato Under 20 quest’anno, avendo dovuto annullarlo nel 2020 a causa della pandemia.

Il Sei Nazioni U20 è una tappa importante per molti giovani giocatori che perseguiranno una carriera nel rugby professionistico e vorremmo ringraziare i team per il loro lavoro nel rendere possibile questo campionato e le nostre emittenti per averlo portato nelle case degli amanti del rugby. Non vediamo l’ora di partire”.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta