Cardiff – L’Inghilterra supera 27-17 l’Italia nel quinto ed ultimo turno del Sei Nazioni U20 conquistando il Trofeo con annesso Grande Slam nell’edizione 2021. Partita che gli inglesi mettono nella propria direzione chiudendo sul 17-0 la prima frazione di gioco. Nella ripresa gli Azzurrini, mai domi, tentano la rimonta con una grande prestazione di squadra arrivando sul momentaneo 22-17 per il XV di Dickens che riesce a centrare il successo grazie anche ai due cartellini gialli rimediati nel finale dall’Italia. La squadra di Brunello chiude il torneo con 7 punti in classifica e il quinto posto.

Schermata 2021 07 14 alle 08.17.55

Partono bene gli inglesi che al 5’ sbloccano il risultato con una meta di Bailey che si infila tra le maglie azzurre sul lato destro d’attacco con Mathews che centra una trasformazione non semplice che vale il momentaneo 7-0. Lo stesso numero 10 inglese pochi minuti più tardi centra i pali su calcio piazzato da circa 30 metri che vale il 10-0 all’11’. Al 15’ arriva la seconda meta inglese con Bates che finalizza un’azione in velocità. Al 21’ gli Azzurrini vanno vicinissimi alla prima marcatura ma a pochi centimetri dalla linea di meta perdono il possesso dell’ovale. Molto chiuso il finale del primo tempo con entrambe le squadre che non concedono spazi e con il risultato che resta sul 17-0 all’intervallo.

I primi punti della ripresa arrivano dai piedi di Ferrarin che da circa 40 metri centra i pali su calcio piazzato da posizione centrale. Sul ribaltamento di fronte l’Inghilterra attacca in velocità e va in meta con Relton sul lato mancino d’attacco. La prima marcatura azzurra arriva pochi istanti più tardi con Neculai che sfrutta la propria fisicità andando in meta in mezzo ai pali regalando a Ferrarin una facile trasformazione accorciando le distanze sul 22-10 al 46’. La squadra di Brunello sfrutta il momento a favore e va nuovamente in meta con il neo entrato Di Bartolomeo che finalizza al meglio una maul con il numero 10 azzurro che centra nuovamente i pali sulla seguente trasformazione. L’Italia lotta su ogni pallone e mette in difficoltà l’Inghilterra che nel finale di gara – in mezzo ai due gialli rimediati da Piantella e Vaccari – riesce a centrare la meta del bonus offensivo con Relton, Player of the Match, che consegna all’Inghilterra la vittoria per 27-17 contro l’Italia U20 e, contestualmente, il Trofeo nel Sei Nazioni U20.

Inghilterra U20 v Italia U20 27-17 (17-0)

Marcatori: p.t. 5’ m. Bailey tr. Mathews (7-0); 11’ c.p. Mathews (10-0); 16’ m. Bates tr. Mathews (17-0); 42’ c.p.Ferrarin (17-3); s.t. 43’ m. Relton (22-3); 46’ m. Neculai tr. Ferrarin (22-10); 52’ m. Di Bartolomeo tr. Ferrarin (22-17); 71’ m. Relton (27-17)

Inghilterra U20: Bailey O.; Roebuck (73’ Bailey D.), Bates, Lancaster (66’ Atkinson), Relton; Mathews (53’ Smith), van Poortvliet (cap); Merigan, Clement (62’ Gray), Richards; Groves (73’ Stonham), Clark; Kindell-Beaton (49’ Green), Riley (49’ Vanes), Baxter (49’ Haffar)

A disposizione: Vanes, Haffar, Green, Thomas, Gray, Stonham, Carr-Smith, Smith, Cokanasiga, Bailey D., Atkinson

All. Dickens

Italia U20: Pani (65’ Marin); Menoncello, Drago, Schiabel (48’ Vaccari), Gesi; Ferrarin, Garbisi (49’ Albanese); Cannone, Cenedese (42’ Vintcent), Andreani (cap); Piantella, Boschetti (39’ Ferrari); Neculai (32’-41’ Bizzotto), Baldelli (41’ Di Bartolomeo), Rizzoli (65’ Spagnolo)

A disposizione: Di Bartolomeo, Spagnolo, Bizzotto, Ferrari, Vintcent, Albanese, Marin, Vaccari, Angelone, Marucchini, Brighetti

All. Brunello

Arb. Hollie Davidson (SRU)

Cartellini: al 64’ giallo a Piantella (Italia U20); al 73’ giallo a Vaccari (Italia U20)

Calciatori: Mathews (Inghilterra U20) 3/4; Ferrarin (Italia U20) 3/3; Smith (Inghilterra U20) 0/1

Punti conquistati in classifica: Inghilterra U20 5; Italia U20 0

Player of the Match: Relton (Inghilterra U20)

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta