Cardiff – Non basta un gran primo tempo all’Italia U20 che all’Arms Park di Cardiff viene superata dai pari età dell’Irlanda, in rimonta, con il risultato di 23-30 nella quarta giornata del Sei Nazioni di categoria.

Inizio scoppiettante del match con l’Irlanda che sblocca il risultato al 4’ con la meta di De Buitlear e gli Azzurrini che ristabiliscono l’equilibrio pochi istanti più tardi con Gesi che sfrutta al meglio la sua velocità per andare in meta sul lato mancino d’attacco con un’azione solitaria. Il buon momento della squadra di Brunello prosegue e, dopo il giallo rimediato da Postlethwaite, Di Bartolomeo centra il sorpasso al 13’ finalizzando al meglio una maul in posizione centrale. Nonostante l’inferiorità numerica l’Irlanda torna di nuovo in vantaggio con la fisicità di Saunderson che va in meta in mezzo ai pali con Doak che realizza la prima trasformazione del match che vale il momentaneo 10-12 al 16’. Sul ribaltamento di fronte arriva il contro sorpasso dell’Italia con Marin che con un cambio di passo trova il varco giusto nella difesa avversaria con lo stesso numero dieci azzurro che trasforma la sua meta spostando il parziale sul 17-12. Nel finale di tempo Marin centra i pali in due occasioni su calcio piazzato (la seconda da 48 metri) chiudendo la prima frazione di gioco sul 23-12 per l’Italia.

Ad inizio ripresa l’Irlanda attacca a testa bassa e, dopo un’azione con più fasi, riesce ad andare in meta con capitan Kendellen al 45’ con la successiva trasformazione di Doak che accorcia le distanze sul 23-19. Al 52’ il vantaggio dell’Italia si riduce con il numero nove dell’Irlanda che centra nuovamente i pali su calcio piazzato arrivato dopo un giallo rimediato da capitan Andreani al 52’. La rimonta del XV di Murphy di completa al 56’ con Kendellen che segna la sua seconda meta personale con un’azione fotocopia della sua precedente marcatura con il punteggio che si sposta sul 23-27. Al 66’ gli Azzurrini hanno la possibilità di segnare i primi punti della ripresa con Marin che non centra i pali su un calcio piazzato da circa 30 metri. Nel finale l’Irlanda riesce a gestire il vantaggio chiudendo in attacco la partita con un calcio piazzato di Doak che vale il definitivo 23-30.

Quinto ed ultimo impegno per l’Italia U20 al Sei Nazioni di categoria in calendario martedì 13 luglio all’Arms Park di Cardiff contro l’Inghilterra alle 14 locali (15 italiane).

Arms Park, Cardiff – mercoledì 7 luglio ore 14 (15 italiane)

Sei Nazioni U20, IV giornata

Italia v Irlanda 23-30 (23-12)

Marcatori: p.t. 4’ m. De Buitlear (0-5); 7’ m. Gesi (5-5); 13’ m. Di Bartolomeo (10-5); 16’ m. Saunderson tr. Doak (10-12); 18’ m. Marin tr. Marin (17-12); 33’ c.p. Marin (20-12); 42’ c.p. Marin (23-12); s.t. 45’ m. Kendellen tr. Doak (23-19); 52’ c.p. Doak (23-22); 56’ m. Kendellen (23-27); 79’ c.p. Doak (23-30)

Italia U20: Pani (70’ Ferrarin); Vaccari, Menoncello (68’ Schiabel), Drago, Gesi; Marin, Albanese (58’ Garbisi); Cannone, Vintcent, Andreani (cap) (76’ Cenedese); Piantella, Ferrari (72’ Boschetti); Neculai (58’ Hasa) (76’ Neculai), Di Bartolomeo (57’ Baldelli), Rizzoli (70’ Spagnolo)

A disposizione: Baldelli, Spagnolo, Hasa, Boschetti, Cenedese, Garbisi, Ferrarin, Schiabel, Angelone, Marucchini, Brighetti

All. Brunello

Irlanda U20: Osborne; Rankin (41’ Forde), Postlethwaite, Carson, Mullins; Humphreys (41’ Moxham), Doak; Okeke (46’ Crothers), Kendellen (cap), Soroka; Sheridan, Morrissey; Illo (38’-41 Bishop), De Buitlear (52’ Loughnane), Saunderson (63’ Boyle)

A disposizione: Loughnane, Boyle, Bishop, O’Donoghue, Kelleher, McKee, Forde, O’Connor, Crothers, Vaughan, Moxham

All. Murphy

Arb. Sam Grove White (SRU)

Cartellini: al 9’ giallo a Postlethwaite (Irlanda U20); al 51’ giallo a Andreani (Italia U20)

Calciatori: Doak (Irlanda U20) 4/6; Marin (Italia U20) 3/6

Punti conquistati in classifica: Italia U20 1; Irlanda U20 5

Player of the Match: Kendellen (Irlanda U20)

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta