Seria A di Ritmica, Armonia d’Abruzzo esordisce aggressiva e vince l’oro

Argento per la S.G Fabriano. Nella serie A2 affermazione della Moderna Legnano.

Seria A di Ritmica, Armonia d’Abruzzo esordisce aggressiva e vince l’oro

Inizia a Desio il campionato italiano di serie A di ginnastica ritmica, ospitato dalla società San Giorgio ’79 Desio. Come da copione, sulla pedana del palazzetto si sono alternate per prime le squadre della Serie A2, che ha visto salire sul primo gradino del podio la società Moderna Legnano, vincitrice per il terzo anno di fila della prima tappa di campionato. Con il punteggio di 88.900 le ginnaste Ileana Carnelli, Laura Paris, Anna Carla Stucchi ed Elena Varallo, allenate da Elisa Porchi, e supportate dalla russa Ekaterina Vedeneeva dettano il ritmo della competizione. L’argento va alla società pugliese Ginnastica Ritmica Iris, alla sua prima esperienza nella massima serie, che ottiene 88,450 punti grazie alle performance di Carla Maghelli, Annapaola Cantatore, Benedetta Schifano e Ekaterina Secerneva guidate dai tecnici accompagnatori Anna Plotkina, Maddalena Carrieri ed Alessandra Sangilli. Il terzo gradino del podio va alle ginnaste piemontesi della Rhythmic School, anch’esse all’esordio in A2 allenate da Tatiana Shpilevaya, la cui squadra è composta da Alessia Judith Leone, Rebecca Di Siena, Anna Pellegrini, Greta Riccardi e Giada Lideo, con l’aggiunta della ginnasta straniera Ana Luiza Filiorianu. Queste giovani atlete ottengono un punteggio di 85,850.

Dopo una breve pausa, il campionato continua con le squadre della serie A1. La squadra che si guadagna il primo posto è l’Armonia D’Abruzzo, che ottiene 98,000. La parte del leone è di Dina Averina, che esegue sia il cerchio (19,200) che il nastro (18,250) contribuendo notevolmente alla posizione della squadra. Alessia Russo, Alice Capocuoco, Federica Pettinelli e Caterina Allovio, allenate da Germana Germani salgono sul gradino più alto del podio e dichiarano forte e chiaro le proprie intenzioni di aggiudicarsi il titolo nazionale.

Sono state bravissime – esclama una entusiasta Germana Germani – e poi Dina ci ha dato veramente un grandissimo apporto. Comunque tutta la squadra è riuscita a starle dietro sin dal principio. A cominciare da Alice Capuozzo che, nonostante sia la più giovane del torneo, insieme all’esordiente Pettinelli ha saputo affiancare le veterane Caterina Allovio e Alessia Russo. Qualche errorino c’è stato, ma si può migliorare. Sappiamo che ce la dovremo giocare fino alla quarta tappa, non dobbiamo sottovalutare le avversarie”. 

L’argento viene consegnato alla S.G Fabriano, con il punteggio di 96,200. Melany Muscella, Milena Baldassarre Sofia Raffaeli e Talisa Torretti riescono ad aggiudicarsi il podio nonostante la perdita del cerchio di Raffaeli e l’assenza della straniera designata Harnasko causa infortunio. L’ultimo gradino del podio viene occupato dall’Udinese che totalizza il complessivo di 93,600 punti. Alexia Gorina, Beatrice Xilosio, Alexandra Agiurgiuculese, Virginia Samez e l’israeliana Linoy Ashram, nonostante siano state vittime di alcune imperfezioni durante questa tappa, sembrano essere una delle squadre più gettonate per la vittoria finale del titolo di Campione italiano 2017.
Le padrone di casa, e campionesse uscenti, della San Giorgio Desio rimangono invece indietro, ottenendo solo la quinta posizione con 89,200 alle spalle della Raffaello Motto, arrivata quarta con 89,500. Aspettiamo la prossima tappa per vedere sei tratta di una condizione provvisoria e se le brianzole saranno in grado di recuperare posizioni nelle prossime gare di campionato.

Da citare anche l’ovazione riservata ad Emanuela Maccarani, presente a Desio e che ha ricevuto gli applausi di tutti i presenti, tifosi e addetti ai lavori compresi, per i molteplici successi ottenuti con la Squadra Nazionale d’insieme sulle pedane di tutto il mondo. Un gesto partito dalla società organizzatrice, la San Giorgio ’79 di Desio, per celebrare l’apertura annuale dell’Accademia internazionale svoltasi nella mattinata di sabato.

Sara Sangalli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.