Home Cultura sportiva “Slovenia capitale europea del ciclismo”, parola di Primoz Roglic

“Slovenia capitale europea del ciclismo”, parola di Primoz Roglic

Interessante webinar organizzato dall'Ente di promozione turistica sloveno per promuovere il piccolo paese dal punto di vista del turismo in bicicletta con la presenza del campione di ciclismo.

0
Slovenia e ciclismo

La Slovenia è un piccolo mistero sportivo. Con una superficie di circa 20.000 kmq (come la Puglia) e una popolazione che sfiora i due milioni di abitanti (la metà di Roma) è in grado di primeggiare a livello mondiale in diversi sport, a cominciare dal basket e, in questi ultimi anni, ciclismo.

Proprio grazie ai successi di Roglic e Pogacar il mondo dello sport ha iniziato a domandarsi i motivi di questo miracolo. I più attenti la stessa attenzione verso il piccolo paese al confine con il Friuli iniziarono a dedicarla dopo il successo al campionato europeo di basket e l’esplosione, a livello mondiale, di un giovanissimo Luca Doncic.

In attesa di capire veramente per quale motivo la gioventù slovena riesca a crescere in modo così armonico dal punto di vista sportivo, dobbiamo constatare che le istituzioni di quel paese non rimangono con le “mani in mano”, ma rilanciano, cercando di sfruttare la popolarità che è in grado di assicurare lo sport per fare sistema e promuovere l’offerta turistica.

Così nella giornata di ieri si è svolto un webinar organizzato dall’ente per il Turismo Sloveno per scoprire il paese quale “capitale europea del ciclismo”. Testimonial di eccezione Primoz Roglic, che ha prestato volentieri il suo tempo per promuovere il territorio nel quale è cresciuto. Presenti oltre 60 giornalisti di diverse nazionalità, attirati soprattutto dal campione che ha raccontato come la bicicletta fosse il mezzo di trasporto e poi di allenamento preferito, anche prima di diventare ciclista professionista e si “dilettava” (ma in realtà è stato un campione anche in questo) nel salto con gli sci.

Logicamente l’ente di promozione turistica ha poi collegato anche la presentazione di alcune novità turistiche in ambito ciclistico, come una nuova pista ciclabile a tema e la nuova Juliana Cycling Trail.

Quello che però a noi preme sottolineare è la conferma che lo sport e i grandi campioni sono un ottimo veicolo di promozione del territorio. Anche in Italia è stato provato un abbinamento simile, con Marche Outdoor che ha individuato nel campione di ciclismo più amato del nostro Paese, Vincenzo Nibali, il miglior testimonial.

La campagna di comunicazione ha avuto un grande effetto e crediamo anche ottimi risultati dal punto di vista di afflusso turistico. Quello che però è mancato, rispetto a quanto realizzato dalla Slovenia, è il contatto diretto tra il campione e i media. Soprattutto quella dimensione quasi onirica, sicuramente impattante, dei “ricordi di quando ero piccolo”, che hanno resto la testimonianza di ieri di Roglic coinvolgente e di effetto.

Per chi volesse saperne di più sulle possibilità turistiche offerte dalla Slovenia, qui

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Nessun commento

Commenta

Exit mobile version